Poste, punta sui pagamenti digitali. Analisti favorevoli

Vira fortemente sui pagamenti digitali e sui servizi Internet e cellulari in generale Poste Italiane e questo piace agli analisti

Sia Mediobanca che Banca Imi si sono detti parecchio favorevoli a questa decisione che sarà presto esplicitata in maniera ichiara e nero su bianca con anche la creazione sui nuovi pagamenti digitali e servizi innovati che potrà secondo gli analisti portere benefici all'zienda e al titolo che comunque ha già il 25% dei pagamenti digitali con Posteay

Postepay e pagamenti digitali

Poste italiane ha presento il sevizio di Postepay legato al cellulare al Salone dei Pagamenti di Milano, chiamato mobile Pos che permette di spostare senza costi somme di denaro tra privati e l'applicazione Bancoposta potenziata che consente operazioni come pagamenti di bonifici, bollettino la ricarica della stessa Postepay.

Paga con Postepay, il servizio che già eiste e che eprmette di fare trasnsazioni sicure sul web e con la carta Postepay sarà enduto a siti di ecommerce terzi in modo tale da allargare ancora di più le transazioni

I numeri finora

Con un certo grado di soddisfazione, Poste italiane pubblica la trimestrale rivelando che nei primi nove mesi dell'anno, i ricavi sono aumentati del 2% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio. E a sorprendere è il settore assicurativo e del risparmio gestito che fatto registrare un chiaro +3,9% in un periodo di difficoltà generalizzata. Non tutto va a gonfie vele perché il settore operativo finanziario ha registrato una flessione del 3,1% e quello dei servizi postali e commerciali del 2,5%, anche per via dello sviluppo del digitale che di fatto ha scavalcato i servizi cartacei e tradizionali. In sintesi, Poste italiane dichiara

  1. ricavi totali consolidati: 26,3 miliardi di euro, +2,0%;
  2. risultato operativo consolidato: 1.176 milioni di euro, -1,7%;
  3. utile netto consolidato: 724 milioni di euro, -10,3%;
  4. masse gestite/amministrate: 505 miliardi di euro, +2,5%;
  5. posizione finanziaria netta industriale: avanzo di 417 milioni di euro.

Rispetto al calo dell'utile in doppia cifra, l'amministratore delegato Matteo Del Fante ci tiene a far sapere che Poste ha messo a bilancio alcuni accantonamenti ed è venuto meno l'apporto di Banca del Mezzogiorno-Medio Credito Centrale, società ceduta ad Invitalia. Al netto di queste partite straordinarie l'utile operativo sarebbe stato pari a 1.237 milioni di euro, mostrando una crescita del 18%, se confrontato con il medesimo periodo dello scorso anno. Di conseguenza, la prossima trimestrale dovrebbe far registrare una pressoché immediata inversione di tendenza.

Poste italiane punta sui servizi innovativi e digitali


Se c'è una critica che viene rivolta sempre più di frequente a Poste italiane è quella della scarsa capacità innovativa rispetto a una concorrenza che galoppa. In attesa del piano industriali, atteso all'inizio del 2018, l'amministratore delegato Matteo Del Fante fissa nuove linee di sviluppo, promettendo una maggiore digitalizzazione dell'offerta. In parole parole significa una efficienza più tangibile attraverso le app sui cellulari, oltre al perfezionamento dei servizi negli uffici. Il tutto senza entrare in concorrenza con giganti come Amazon e Alibaba, ma considerando l'ecommerce come un'opportunità da cavalcare. A detta di Del Fante, Poste Italiane deve assumere un ruolo da protagonista nello sviluppo del digitale in Italia, anche sfruttandi i tanti centri sparsi nel territorio per sviluppare e offrire Wi-Fi nelle città.

Assunzioni in vista in Poste

Intanto la campagna di recruitment di Poste Italiane va avanti e non conosce pause, anche perché per alcuni profili la società sta privilegiano i contratti a tempo determinato anziché quelle fisse. In questo momento si va alla ricerca di addetti allo smistamento per la sede di Padova. I requisiti richiesti per questa offerta di lavoro sono esperienza pregressa in attività di magazzino o movimentazioni merci, disponibilità a lavorare in orari notturni sia full time che part time. Viene poi proposto un contratto di assunzione a tempo determinato come portalettere a Bolzano. Oltre alla patente di guida in corso di validità per la guida del motomezzo aziendale, è indispensabile il possesso del patentino di bilinguismo. Da segnalare l'indispensabile dell'idoneità generica al lavoro che deve essere documentata dal certificato medico rilasciato dalla autorità sanitaria di appartenenza o dal proprio medico curante.

C'è tempo fino al 10 dicembre per presentare la propria candidatura. L'avvio dell'iter di selezione viene anticipato da una telefonata delle risorse umane territoriali di Poste italiane, alla quale fa seguito la convocazione presso una sede dell'azienda per la somministrazione di un test di ragionamento logico, a cui fa seguito, in caso di esito positivo, di un colloquio e della prova d'idoneità alla guida del motomezzo, da effettuare su uno scooter di 125 cc di cilindrata, a pieno carico di posta. Il superamento è naturalmente condizione essenziale per l'assunzione. Tutti i dettagli della proposta di lavoro sono disponibili sul sito ufficiale di Poste italiane.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su