Rifatto il sito del Parlamento europeo spendendo circa 1,2 milioni di euro

Il nuovo sito del parlamento europeo è stato presentato martedì 13 settembre.

L’EUROPA si rifà il trucco sul web. Il nuovo sito del parlamento europeo è stato presentato martedì 13 settembre durante una conferenza stampa presieduta dal presidente Josep Borrel, in occasione della due giorni di tavole rotonde tenutasi a Bruxelles sulla società dell’informazione.

Indossando una particolare t-shirt nera, con la scritta “io indosso idee che non restringono con il lavaggio”, Borrell ha spiegato i motivi del restiling del sito: “Da oggi 457 milioni di persone avranno lo stesso indirizzo- ha esordito l’europresidente- In un'Europa in cerca di una nuova visione del futuro il nostro sito internet, completamente rinnovato, è la chiave che apre le porte del Parlamento europeo.

Il sito vuole essere uno strumento al servizio dei cittadini per avere informazioni chiare e obiettive, per consentire di capire le decisione prese in parlamento e, quindi, di approvarle o disapprovarle''

IL RESTYLING ha richiesto un anno di lavoro e un investimento di circa 1,2 milioni di euro. Ad un primo sguardo, la nuova versione si discosta parecchio dalla precedente (che era per lo più un mero aggregato di banche dati) sia dal punto di vista grafico che contenutistico.
Accessibile attraverso l’identico indirizzo, http://www.europarl.eur.int, il sito è disponibile in ben venti lingue differenti, è molto più attraente e facile da usare, e, cosa ancor più importante, verrà aggiornato quotidianamente.

LA HOME PAGE, divisa in tre macro aree, accoglie l’uente con un messaggio di benvenuto. Nella parte centrale sono presentate tre sezioni: una per le news della settimana, una denominata “stories” ed un’altra “focus”. A sinistra, invece, è presente un menù “Argomenti”, in cui il navigatore può trovare notizie relative all’attività del Parlamento, mentre al lato destro una serie di Link rimandano ad informazioni e servizi per il cittadino.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su