Le partite al sabato pomeriggio? Un danno per il commercio

La decisione della Lega Calcio di far svolgere le partite di serie B il sabato pomeriggio alle ore 15.00, comporta gravi problemi di carattere economico e sociale, oltre che di ordine pubblico

La decisione della Lega Calcio di far svolgere le partite di serie B il sabato pomeriggio alle ore 15.00, comporta gravi problemi di carattere economico e sociale, oltre che di ordine pubblico. Esordisce cosi' il presidente Confesercenti Marco Venturi nella lettera inviata al presidente della Lega Calcio Adriano Galliani. "Ben oltre trecento attività commerciali - scrive Venturi -, che svolgono la loro attività nell’area dello stadio di Verona e quelle di altre città, rischiano il tracollo a causa della cancellazione di un servizio essenziale per la cittadinanza.

Noi abbiamo sempre concepito il calcio come un’importante attività fortemente collegata con le altre imprese, così come l’abbiamo sempre vissuto come parte integrante dello spirito e della cultura della gente che vive in quella realtà.

Ragionare del calcio solamente come attività a sé stante, staccato dall’ambiente e dalla gente, contrapposta ad altri indispensabili servizi, porta alla sua estraneità dalla comunità, vincolandolo sempre più agli interessi di pochi.

Per questi motivi La invito a mettere in atto ogni azione necessaria a modificare tale situazione spostando l’orario di inizio delle partite alle ore 20.30 del sabato.
Convinto che si adopererà nel miglior modo possibile per sciogliere questo nodo, La saluto con cordialità





Fonte: pubblicato il


Torna su