Dipendenti statali: controlli per false malattie, licenziamento per esuberi e blocco premi facili

Il ministro Brunetta dopo aver minacciato i dipendenti statali fannulloni, spiega quali altri provvedimenti prenderàcontro i falsimalati e chi rifiuta gli spostamenti di ufficio per esubero per finire con la limitazione delle carriere e premi attrave

Il ministro Brunetta dopo aver minacciato i dipendenti statali fannulloni, spiega quali altri provvedimenti prenderàcontro i falsimalati e chi rifiuta gli spostamenti di ufficio per esubero per finire con la limitazione delle carriere e premi attraverso sistemi automatici poco controllati.

La guerra ai malati immaginari colpirà gli statali che presentino certificati medici contenenti false attestazioni di malattia. La pena designata dal “giustiziere” dell’impiego pubblico sarà l’accusa di reato di truffa aggravata e il successivo licenziamento. Nella bozza è previsto anche un rafforzamento del sistema dei controlli medici giornalieri durante il periodo di assenza per malattia del dipendente nonchè il licenziamento del medico, se pubblico dipendente, nel caso di falsa attestazione.

Secondo il piano inoltre i lavoratori statali in esubero che rifiutino la mobilità saranno licenziati.

Stop anche ai premi a pioggia che dovranno essere corrisposti secondo la “valutazione della qualità del prodotto e dei servizi resi”. La produttività “dovrà essere direttamente commisurata ai risultati ottenuti”. Limitazioni anche per la carriera sulla base di automatismi dovuti all’anzianità di servizio





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su