Sciopero pescatori in Spagna e in Italia contro il caro-gasolio. Molti i partecipanti

Rincari del 240% in 4 anni: la situazione è insopportabile ed i pescatori protestano

I pescatori di Italia, Spagna e Portogallo sono fermi nei porti e protestano contro i rincari del gasolio.

"La questione principale è il costo del gasolio - dice un pescatore di Barcellona - Il carburante continua ad aumentare e non ce la sentiamo più di uscire in mare. Ma anche il calo del prezzo del pesce è un problema".

Per il rappresentante di categoria spagnolo Marti Sants la soluzione non può che essere globale:

"Per quanto riguarda l'industria del pesce tutto si decide a Bruxelles. I governi nazionali non possono fare nulla senza l'avallo europeo. E' un fatto importante, da tenere in considerazione".

E' per questo che i pescatori sono andati a manifestare anche a Bruxelles, la capitale delle istituzioni europee.








Fonte: pubblicato il


Torna su