Pil italiano in crescita nei primi mesi del 2008 con uno 0,4%. I settore migliori

L'Istat mostra risultati positivi per il Pil italiano, ma Confcommercio smorza gli entusiasmi

Nell'ultimo trimestre del 2007 l'Istat aveva rilevato un decremento congiunturale dello 0,4% per un aumento dello 0,1% su base annua. Il primo trimestre del 2008 ha avuto lo stesso numero di giornate lavorative del trimestre precedente ed una giornata lavorativa in meno rispetto al primo trimestre 2007. Nel confronto internazionale, aggiunge l'Istat, nel primo trimestre 2008 il Pil è cresciuto su base trimestrale dell'1,5% in Germania, dello 0,6% in Francia, dello 0,4% nel Regno unito e dello 0,1% negli Stati uniti.

Su base annua la Germania ha registrato una crescita del 2,6%, gli Stati uniti e il Regno unito del 2,5% e la Francia del 2,2%. Nel complesso, i paesi dell'area euro sono cresciuti dello 0,7% su base trimestrale e del 2,2% su base annua. Il quarto trimestre del 2007 ha avuto una giornata lavorativa in meno rispetto al terzo trimestre del 2007 e due giornate in più rispetto al quarto trimestre del 2006.

La stima del Pil corretta per i giorni lavorativi per l'anno 2007 e' pari all'1,4% (tre giornate lavorative in più rispetto al 2006). La stima non corretta per i giorni lavorativi (rilasciata il 29 febbraio scorso) è pari all’1,5%. In termini congiunturali, le importazioni di beni e servizi sono diminuite dell’1%, il totale delle risorse (Pil e importazioni di beni e servizi) è diminuito dello 0,6%.

Dal lato della domanda, le esportazioni sono diminuite dell’1,3%, i consumi finali nazionali sono diminuiti dello 0,2%, mentre gli investimenti fissi lordi sono cresciuti dello 0,6%. Nell’ambito dei consumi finali, la spesa delle famiglie residenti è diminuita dello 0,3%, quella delle AP e delle ISP è cresciuta dello 0,1%.

L'aumento degli investimenti è stato determinato da una crescita dell’1,7% negli acquisti di mezzi di trasporto, dello 0,5% degli investimenti in costruzioni e dello 0,3% degli investimenti in macchine, attrezzature e altri prodotti.


“Dato che va letto in controluce perché arriva dopo l’ultimo trimestre del 2007 che è il peggiore degli ultimi otto anni”. Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio alla stima preliminare del Pil diffusa oggi dall’Istat.





Fonte: pubblicato il


Torna su