Nuove regole per neopatentati, limiti e auto possibili da acquistare nel 2008-2009. Tanti paradossi

Incredibile: con le nuove regole sulla sicurezza stradale si sono creati moltissimi paradossi per i neopatentati. Potranno guidare Suv ma non la 500 o la Smart!

Con le nuove norme per la sicurezza stradale, i neopatentati si troveranno in una situazione abbastanza paradossale: non potendo guidare auto con un rapporto peso/potenza superiore ai 50 kW/tonnellata, si troveranno a poter guidare bestioni da svariate tonnellate mentre non potranno guidare la 500!

I giovani patentati potranno infatti guidare, come sottolineato da Repubblica, una monovolume sette posti, lunga più di cinque metri, che pesa due tonnellate e che ha un possente motore 2800, ma non una Smart (2,7 metri per 750 kg).

Basti pensare che nuova Fiat 500 sarà vietata in qualsiasi versione e con qualsiasi motore, mentre il vecchio modello (privo di airbag, abs e cinture di sicurezza) è giudicato adatto.

La nuova legge sulla mobilità riguarderà tutti coloro che prenderanno la patente B da luglio, mentre chi riuscirà superare il test prima di quella data potrà guidare qualsiasi bolide. Rimane comunque in vigore il divieto per i neopatentati, previsto dalla vecchia normativa, di superare il limite dei 100 km/h in autostrada (90 sulle strade extraurbane) per tre anni…tutto questo però senza alcun sistema di controllo effettivo, considerati i sistemi di rilevazione automatici come Tutor o Autovelox che non distinguono i conducenti.

Il vero scandalo, al di là dei paradossi riguarda il fatto che la normativa si andrà a sovrapporre a quella precedentemente in vigore creando delle forti incongruenze e non tutelando certamente la sicurezza stradale!


I giovani automobilisti, rimarranno soggetti alla doppia penalizzazione per tre anni, nel caso di violazioni al codice della strada, con la possibilità a fronte di gravi infrazioni di vedersi sospesa la patente da 3 a 6 mesi.

Le complicazioni iniziano al momento dell’effettiva applicazione delle norme: la carta di circolazione delle auto immatricolate fra il 1999 e il 2007 (in Italia ne circolano circa 20 milioni) non riporta infatti il rapporto peso potenza, che riferendosi alla tara e non al peso massimo ammesso è difficile da calcolare.

Per questo motivo gli agenti della Polizia Stradale dovranno munirsi di carta e penna (ed una buona dose di pazienza) e calcolare a mano se l'auto rientra nei limiti o meno!





Fonte: pubblicato il


Torna su