Passare da azienda Srl a Spa per pagare meno tasse è reato fiscale

Cambiare in Srl da Spa agricola al solo scopo di pagare meno tasse è reato, anche se ciò viene fatto senza volerlo

Il chiarimento, fornito con la risoluzione n. 177/E del 28 aprile, prende spunto dai principi alla base dell'introduzione del beneficio, principi di carattere politico-economico per lo sviluppo della competitività delle società di persone, a responsabilità limitata e cooperative che esercitano esclusivamente attività agricole. In sostanza, la norma contenuta nel comma 1093 della Finanziaria 2007 trasferisce a queste società il trattamento riservato agli imprenditori agricoli individuali, che determinano l'imponibile sulla base del reddito agrario dei terreni, a condizione che le stesse abbiano la qualifica di società agricole e se società di capitali, rivestano la forma giuridica di società a responsabilità limitata.

Diversamente, per l'istante Alfa Spa, la trasformazione non rientrava in un quadro elusivo per due ragioni fondamentali. La prima riguardante la novità dell'agevolazione, mai prevista in antecedenza, la seconda relativa al fatto che l'operazione sarebbe avvenuta con un singolo atto.

Entrambe le motivazioni sono state ribaltate dai tecnici dell'Agenzia. Nella risoluzione, infatti, si rimanda alla disposizione contenuta nell'articolo 37-bis del Dpr 600/1973, che nell'inquadrare l'elusività di una trasformazione societaria in una pluralità di atti, non la esclude anche in presenza di un unico negozio. L'elusione si compie con atti 'anche collegati tra loro', vale a dire che implicitamente il 'raggiro' può realizzarsi con una sola operazione. Inoltre, l'assenza di un simile beneficio in norme precedenti non sembra una ragione sufficientemente valida per ritenere la scelta dell'istante legittima per l'accesso al particolare regime tributario. Questo perché il legislatore, nel limitare l'ambito soggettivo dei destinatari dell'agevolazione, ha volutamente escluso le società per azioni, continuando ad applicare alle stesse la disciplina ordinaria di tassazione.








Fonte: pubblicato il


Torna su