Prezzo record del petrolio a 118 dollari. Nuovo record. Aumenti alimenti di circa il 10% conseguenti

Il prezzo dell'oro nero sale vertiginosamente e inesorabilmente. E a rimetterci ora sono anche i prodotti alimentari

Alle 12,21 il contratto di maggio sul crude oil scambiato al Nymex cresce dello 0,5% a 118,05 dollari al barile.

Non è l'Opec a decidere i prezzi del petrolio. I prezzi li fa il mercato. L'Opec puó decidere solo sulle forniture. È quanto ha sottolineato il ministro del petrolio del Kuwait, Mohammad Al-Aleem, che in merito ai prezzi ha aggiunto che sono altri i fattori che li influenzano come "la speculazione", la raffinazione.

Il ministro ha aggiunto che la questione è di interesse globale e che è un problema che "tocca produttori e consumatori". "Aumenteremo di 5 milioni di barili al giorno al 2012, 9 milioni al 2020" la produzione, aggiunge Abdallah Al Badri, presidente dell'Opec, precisando che i prezzi non e' l'organizzazione a deciderli, ma "li decide il mercato".

Coldiretti, costi produzione alimenti +8,8%.Il record del petrolio spinge verso l'alto i costi di produzione degli alimenti, che fanno segnare un aumento medio dell'8,8%, per effetto dell'aumento di energia, fertilizzanti e mangimi per l'alimentazione degli animali.

Lo afferma la Coldiretti che evidenzia gli effetti a valanga provocati dal caro petrolio sottolineando come sono le attività di allevamento e la coltivazione dei cereali come grano, mais e riso ad essere le più colpite.
A questi aumenti si aggiungono - sottolinea la Coldiretti - quelli provocati dall'incremento nei costi di trasporto con l'86% delle merci che in Italia viaggia su strada ed i costi della logistica, che incidono dal 30 al 35% per frutta e verdura e assorbono in media un quarto del fatturato delle imprese agroalimentari.


Tra i fattori della produzione necessari alle campagne che hanno subito maggiori rincari ci sono - precisa la Coldiretti - i fertilizzanti (+35,6%), i mangimi (+22,6%) e i carburanti (+7,1%), sulla base dei dati Ismea relativi a marzo 2008.





Fonte: pubblicato il


Torna su