Parte ufficialmente "Roma Wireless", web senza fili in città

Collegarsi a Internet senza fili nei parchi della città da oggi è possibile grazie al progetto promosso da Comune di Roma 'Roma Wireless'.

'Oggi 2 agosto comincia una pagina nuova della fruibilità dei parchi e della modernità della città: è affascinante l'idea di poter usare il più moderno strumento di comunicazione in un contesto come quello di Villa Borghese'.

E' quanto ha dichiarato ieri sera il sindaco di Roma Walter Veltroni che ha inaugurato e sperimentato per primo 'Roma Wireless' a Villa Borghese.

Con il progetto Roma Wireless, dunque, a partire da agosto anche cittadini e turisti potranno accedere gratuitamente per un'ora alla rete Internet senza utilizzare i cavi di supporto, sostando con il proprio computer portatile nei punti più suggestivi, indicati da apposita segnaletica, di Villa Borghese, Villa Ada e Villa Pamphilj.

Il progetto 'Roma Wireless', patrocinato dal Comune di Roma, elaborato dal distretto dell'audiovisivo dell'Ict e realizzato con tecnologia Alcatel, permetterà con la tecnologia Wi-Fi di godere in modo facile e comodo delle informazioni del network. Il progetto ha l'obiettivo di allargare la copertura della rete, fornendo la città di un gran numero di hot spot oltre ai 22 già attivi a Villa Borghese.

Presenti alla sperimentazione anche gli assessori comunali alla semplificazione, Mariella Gramaglia, ai lavori pubblici, Giancarlo D'Alessandro, all'ambiente, Dario Esposito, e il direttore generale del distretto dell'Ict, Giandomenico Celata, che ha ricordato Roma come la prima città italiana ad avere una connessione wi-fi in un parco pubblico e la seconda in Europa.


'Abbiamo già attivato - ha dichiarato Celata - un accordo con il Bioparco che, presto, sarà seguito da collaborazioni con l'università e gli Enti Eur e Fiera'. A ottobre nell'ambito di 'Roma Wireless' partirà il progetto 'Le famiglie in rete al Bioparco', promosso dalla Fondazione Bioparco con il Comune di Roma, i consorzi Gioventù digitale e Roma Wireless.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su