Banche e nuove regole sistema finanziaria: pronte ad accettarle con convinzione secondo Mario Draghi

Le dichiarazioni del Governatore della Banca d'Italia riguardo la presa di posizione delle Banche Internazionali sulle nuove regole finanziarie

Mario Draghi, riferendo i commenti dei banchieri invitati ieri sera alla cena che ha concluso i lavori del G7 di Washington, ha riferito che le grandi banche internazionali hanno risposto bene al rapporto presentato ieri da Financial Stability Forum.

"Da loro", ha detto l'inquilino di Palazzo Koch a margine di una conferenza stampa, "sono arrivate tutte dichiarazioni di sostegno al documento". In particolare, ha sottolineato Draghi in qualita' di presidente dell'Fsf, gli istituti sono stati rassicurati sui tempi dell'adeguamento patrimoniale e regolamentare.

"Abbbiamo chiarito", ha spiegato il numero uno di via Nazionale, "che se cio' accadesse immediatamente, si esacerberebbero i problemi di ristrettezza del credito. Anche per questo si e' fissato un orizzonte temporale". Insomma, per Draghi l'accoglienza al rapporto nel settore privato e' stata "favorevole. Alcuni partecipanti", ha aggiunto, "hanno gia' avviato azioni. 

Queste raccomandazioni promuovono tali iniziative e chiedono di fare di piu'". Alla cena di ieri sera erano presenti i top manager di Deutsche Bank, Tiaa-Cref, Citigroup, Barclays, Credit Suisse, Blackrock, Lehman Brothers, Morgan Stanley, Mizuho corporate bank e Scotia bank. 

Sulla questione si e' soffermata anche il ministro delle Finanze francese, Christine Lagarde, secondo cui dai colloqui con i banchieri e' emerso "un bisogno di regolamentazione".








Fonte: pubblicato il


Torna su