Video fiaccola olimpica a San Francisco negli Stati Uniti. Prime proteste pubbliche per strada

La marcia della fiaccola olimpica a San Francisco si è svolta senza complicazioni. La polizia non è dovuta intervenire

La fiaccola olimpica è giunta negli Stati Uniti, a San Francisco.

In diversi punti della città si sono radunati gruppi di persone con bandiere e cartelli inneggianti alla libertà del Tibet e contro la violazione dei diritti umani in Cina.

Ad assistere ad una delle manifestazioni c'era anche il cantante irlandese Bono, degli U2, il quale si è augurato che le manifestazioni si svolgano senza incidenti e che nello stesso tempo portino la Cina a cambiare la sua posizione sui diritti umani.

"Vorrei che la giornata di mercoledì fosse un'occasione di protesta pacifica, per la fiaccola olimpica e per il Tibet" ha detto il cantante.

Una 'torcia della libertà' è stata accesa da alcuni manifestanti davanti alla sede del Consolato cinese.
Tra i manifestanti anche l'attore Richard Gere, amico personale del Dalai Lama, e l'arcivescovo anglicano sudafricano Desmond Tuttu, che hanno marciato insieme ad alcune centinaia di persone in segno di solidarietà con il Tibet e per protestare contro la repressione dei diritti umani in Cina.


"Quanto sta facendo questa gente è fantastico", ha commentato Desmond Tutu, secondo il quale non sarebbe giusto boicottare le Olimpiadi di Pechino "proprio per ciò che le Olimpiadi rappresentano", ma a suo avviso i leader politici del mondo non dovrebbero partecipare alla cerimonia inaugurale dei Giochi.

La fiaccolata, partita da piazza Nazioni Unite, è giunta fino davanti alla sede del Consolato cinese. La polizia, presente in forze, non è mai dovuta intervenire e tutto si è svolto in modo pacifico.








Fonte: pubblicato il


Torna su