Magdi Allam convertito critica Chiesa cattolica debole contro Islam. Vaticano frena

Il dietro front della Chiesa cattolica riguardo le opinioni di Magdi “Cristiano” Allam, hanno spento già l’idillio pasquale che il giornalista aveva faticosamente costruito

Il dietro front della Chiesa cattolica riguardo le opinioni di Magdi “Cristiano” Allam, hanno spento già l’idillio pasquale che il giornalista aveva faticosamente (!) costruito con i suoi nuovi fratelli di religione. Ma forse il caro Magdi, lo aveva aveva già intuito… 

Il portavoce della Santa Sede, Federico Lombardi, infatti,  ha tenuto a precisare che “Magdi Allam ha scelto di diventare cristiano e cattolico ma la sua scelta non comporta automaticamente la condivisione da parte delle autorità ecclesiastiche delle posizioni che il giornalista esprime nei suoi articoli e nei suoi libri”. Insomma, ti accogliamo nella nostra grande comunità, con amorevole “discrezione”, ma tienici ben distante da tutto ciò che pensi e scrivi.

Il primo segnale di incrinatura, si era avuto dopo la lettera degli oltre 138 intellettuali e leaders religiosi musulmani, inviata recentemente al Papa per promuovere la pace mondiale. I firmatari, guidati da Aref Ali Nayed, direttore del Centro regale di studi strategici islamici in Giordania, erano stati ricevuti in Vaticano solo a febbraio, e nel documento levano le loro critiche alla modalità in cui è stata realizzata la conversione del giornalista egiziano, ritenuta troppo plateale.

Ma il convertito Allam, forse già annusando il pericolo nell’aria,  non si è lasciato intimidire e nella sua prima uscita post-battesimo avvenuta ad Otto e mezzo, si è lasciato andare cominciando a criticare la Chiesa che lo ha accolto, perché non litigherebbe abbastanza con quella che ha appena abbandonato, iniziando, così, il cammino verso un lento (forse non troppo) isolamento culturale e mediatico. Allam, che si professa  sostenitore dell’unpolitically correct, ha deciso di proseguire con il suo monologo di “scontro” ideologico nei confronti di tutti coloro che non intendono l’Islam (e a quanto pare anche il Cristianesimo), come lui vorrebbe.








Fonte: pubblicato il


Torna su