Modello per bonus di 150 euro per incapienti disponibile da scaricare: la procedura

Bonus forfettario di 150€ emanato dall'Agenzia dell'Entrate per gli incapienti. Come fare per ottenerlo


Il bonus di 150 euro forfettari emanato dall'Agenzia delle Entrate spetterà alle persone fisiche che non percepiscono redditi da un sostituto d’imposta e che sono esonerati dal presentare la dichiarazione dei redditi per l’anno 2007.

Potranno quindi usufruire del rimborso forfetario i soggetti passivi Irpef residenti in Italia, non fiscalmente a carico di altri, che hanno percepito nel 2006 un reddito complessivo uguale o inferiore a 50mila euro e che, sempre nello stesso anno, hanno prodotto un reddito complessivo con un’imposta netta pari a zero, alla cui formazione abbiano concorso redditi di lavoro dipendente, di pensione, taluni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, redditi di lavoro autonomo e di impresa anche se le attività sono esercitate in maniera occasionale.

Al bonus fiscale di 150 euro si aggiungerà, stando a quanto stabilito dal decreto collegato alla finanziaria, un’ulteriore somma di 150 euro per ciascun familiare a carico. Basterà barrare l’apposita casella e indicare nel riquadro ad hoc il codice fiscale delle persone per le quali deve ancora percepire la somma.

Per familiare a carico si intende ogni soggetto che non abbia maturato, durante l’anno 2006, un reddito complessivo non superiore ai 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili.


La modalità di erogazione del bonus è semplice e sicura: basta indicare il codice Iban per ricevere l’importo direttamente sul conto corrente bancario o postale. In alternativa, l’Agenzia invierà a casa dell’interessato un modulo per la riscossione in contanti presso qualsiasi ufficio postale.



Modello
Per compilare il modello basterà visitare il sito dell’agenzia delle Entrate - www.agenziaentrate.gov.it – o, alternativamente, il portale del ministero dell’Economia e delle Finanze, www.finanze.gov.it

Il modello va trasmesso esclusivamente per via telematica, tramite gli uffici locali delle Entrate, a decorrere dal 2 maggio ed entro il 31 luglio 2008.





Fonte: pubblicato il


Torna su