Scorie nucleari radiottive italiane trasportate negli Stati Uniti. E in Usa monta la protesta

20000 tonnellate di scorie radioattive italiane in arrivo negli Stati Uniti

La Gazzetta del Mezzogiorno sostiene che l'Italia stia per inviare 20000 tonnellate di scorie radioattive negli Usa, spiegando che "i carichi radioattivi arriveranno sulle coste americane via nave, dopodiché saranno trasferite nel Tennessee, presso l'impianto di Oak Ridge, della Energy Solutions, per essere riprocessate.

Infine, ultimata questa attività di trasformazione, circa 1.600 tonnellate di scorie saranno stoccate in un deposito (sempre di proprietà della Energy Solutions) che si trova nello Utah, a Tooele County".

Proprio nello Utah, appresa la notizia, il supporto di varie sigle ambientaliste, la gente ha iniziato a protestare: "Lo scorso 21 febbraio - continua il quotidiano - c`è stata addirittura una manifestazione organizzata dai ristoratori italiani dello Utah. Giornali (come il The Salt Lake Tribune) e broadcast radio-televisivi (come Ksl) hanno dato grande rilievo all`iniziativa. All'urlo di "No Grazie" - proprio così, in lingua italiana - i ristoratori hanno chiarito la loro posizione: dall'Italia spediteci il cibo e la moda, ma tenetevi i vostri rifiuti radioattivi!".

La gente (ora sostenuta anche da qualche politico, come il governatore del Wyoming, Dave Freudenthal) teme che i rifiuti italiani siano soltanto un "antipasto" e che la loro terra possa trasformarsi nella "discarica radioattiva del mondo".





Fonte: pubblicato il


Torna su