Partiti politici in Italia alle prossime elezioni 2008: quasi 180. Meno male che dovevano diminuire

Nella lista dei partiti presentata al Viminale sono presenti anche i partiti più bizzarri, come il 'Partito Impotenti Esistenziali'

Se in fin dei conti l'emergenza rifiuti non ci tocca ma madre natura ci ha dotato di uno spirito particolarmente critico verso tutto e verso tutti, un po' alla Grillo, perché non dare il nostro voto alla "Lista del grillo - no euro"?. Se piuttosto siamo rimasti colpiti dall'indagine di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, possiamo allora barrare una delle 3 liste chiamate "Casta contro", tutte depositate da Mario Nicoletti.  

Di novità ce ne sono davvero tante, nei 177 partiti presentati al Viminale, sia per quanto riguarda i nomi delle singole liste, sia per quanto riguarda i simboli: attirano l'attenzione il "Partito Impotenti Esistenziali", un insolito "Zarlenga Omnia" che in omaggio alla nostrana passione calcistica presenta su sfondo blu il mondo con sparsi intorno palloni da calcio, ma anche "Casinò centro Italia" per cui possiamo optare se invece siamo più attratti dal tappeto verde.

E se Casini ha dovuto subire l'esclusione dal Popolo delle Libertà per difendere il simbolo, si troverà in buona compagnia sapendo che oltre al suo ci sono ben altri 3 scudi crociati...come però d'altronde ci sono anche 5 fiamme per non lasciare sola "La destra" di Storace. E poi, se la Sinistra Arcobaleno ha visto mettere da parte lo storico simbolo di Bertinotti e compagni, i nostalgici di falce e martello potranno sicuramente fare un tuffo nel passato perché c'è chi proprio non ci rinuncia, come il "Partito di Alternativa Comunista" di Francesco Ricci ed il "Partito Comunista dei Lavoratori" di Marco Ferrando.

È questo poi il momento delle donne. Molto si è discusso sulla presenza femminile nelle istituzioni, una presenza che và sicuramente incoraggiata ed incrementata; e se il Pd ha congeniato il sistema delle quote rosa, Stefana Ariosto con il "Partito delle Donne" ha scelto una rosa (l'originalità andrebbe premiata!) accompagnata dalla scritta "in nome delle donne" rivisitando il titolo del best seller di Eco, "In nome della Rosa".





Fonte: pubblicato il


Torna su