Scandalo finanziamenti UE dati ai parlamentari : se li intascavano loro con finti contratti

Parlamentari europei intascano 16mila euro al mese grazie a contratti falsi

A rivelarne il contenuto del rapporto sui finanziamenti illeciti ai parlamentari sono stati i parlamentari stessi. A quanto affermano, in gioco sono i 16 mila euro mensili concessi a ogni membro del Parlamento per remunerare i propri assistenti, circa 1.500 in tutto. Il rapporto analizza un campione di 167 pagamenti (su un totale di 785 eurodeputati) con i loro relativi giustificativi.

"La mia prima reazione - ha detto al giornale internet EuObserver il liberale britannico Chris Davis - è stata isterica, di fronte alle dimensioni degli abusi che stanno avendo luogo, e visto che tutto ciò è stato tenuto segreto". In effetti, a quanto raccontano vari eurodeputati, alcuni loro colleghi sono ricorsi a trucchi come inventare assistenti in realtà inesistenti ma debitamente compensati, o assegnare questa carica a familiari. Davis chiede a questo punto di coinvolgere l'Olaf, l'ufficio antifrode dell'Unione Europea a Bruxelles, che avrebbe facoltà di chiedere nomi e cognomi. Jaume Duch, portavoce del Parlamento ha però cercato di sdrammatizzare.

"L'audit interno - ha dichiarato - conferma le preoccupazioni esistenti che il sistema di impiego del personale degli eurodeputati è divenuto fin troppo complicato, con tre diversi modi di fare i contratti e 27 diversi tipi di tassazione nazionale, sicurezza sociale e sistemi amministrativi". "Alcuni assistenti - ha proseguito - lavorano a Bruxelles, altri nello stato membro di appartenenza. La complessità di questo sistema di contratti e di pagamenti l'ha reso molto difficile da gestire, sia per i deputati, sia per l'amministrazione del Parlamento".

Duch ha tuttavia sottolineato che l'audit "non ha rivelato alcun caso individuale di frode, e non raccomanda di informare l'Olaf delle sue conclusioni. Se l'avesse fatto, il segretario generale del Parlamento non avrebbe mancato di darvi seguito".








Fonte: pubblicato il


Torna su