Alitalia-Air France: Air One ancora esclusa farà ricorso al Consiglio di Stato

Il Tar del Lazio respinge il ricorso dell'Ap Holding di Carlo Toto

Il Tar del Lazio respinge il ricorso presentato dalla Ap Holding di Carlo Toto. L’obiettivo dell’imprenditore abruzzese era quello di interrompere le trattative in esclusiva tra Air France-KLM e la compagnia tricolore per permettere ad Air One di rientrare in partita. Non si conoscono le motivazioni della decisione del Tar, ma Ap Holding ha gia’ fatto sapere che procedera’ al successivo grado di giudizio, ovvero al Consiglio di Stato.

Il processo che potrebbe portare all’acquisizione della quota del 49.9% di Alitalia in mano al Ministero dell’Economia da parte del vettore franco-olandese ha quindi fatto un “piccolo passo” avanti, come lo ha definito Maurizio Prato, presidente e a.d. della compagnia italiana. La trattativa dovrebbe terminare a meta’ del mese prossimo e sfociare in una proposta vincolante al Tesoro, ma il nulla osta definitivo dovra’ essere dato dal Governo che uscira’ dalle prossime elezioni del 13-14 aprile.

In caso di esito positivo Air France-KLM lancera’ un’offerta di scambio azionario sul 100% di Alitalia, incamerando il 49.9% in mano al Tesoro, e le eventuali adesioni da parte degli altri azionisti. Il rapporto di concambio tra azioni del vettore franco-olandese e quello tricolore sara’ deciso al termine della trattativa in esclusiva. Ricordiamo inoltre che il piano dei transalpini prevede anche il riacquisto dei bond convertibili e il lancio di un aumento di capitale da 750 milioni di euro.

Intanto il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, non attenua la sua polemica nei confronti del Governo Prodi in merito all’abbandono di Malpensa da parte di Alitalia. Secondo Formigoni il mancato utilizzo del termine “moratoria” nel decreto “milleproroghe” di fatto esclude l’idea della sospensione per tre anni della riduzione dei voli dallo scalo varesino.








Fonte: pubblicato il


Torna su