Nuova Opel Agila 2008: city car, ma anche per lunghi percorsi. Compatta, ma spaziosa. Video

Opel pronta per il debutto della nuova Opel Agila 2008

La presentazione ufficiale avverrà al Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte che avrà luogo il prossimo settembre, per andare poi in vendita a partire dalla primavera del 2008.

La nuova nata di Casa Opel Agila debutterà sul mercato italiano a metà marzo, a un prezzo base di 10.200 euro, il costo della versione con motore da 1 litro, dotata pure di Esp ma non dell'impianto per l'aria condizionata. E’ un modella che piace molto perché è funzionale, comoda, si destreggia a meraviglia nelle viuzze dei centri storici e che, anche se dai limitati ingombri, offre una buona abitabilità per cinque persone.

La nuova Agila monta tre motori, due a benzina e un Diesel, che non consumano molto, ma soprattutto inquinano pochissimo. A parte i consumi ridottissimi, le nuove Opel Agila da 1 e da 1.3 litri presentano delle emissioni ai vertici assoluti e rientrano nel limite di 120 grammi/km per le emissioni di CO2 che in molti Paesi europei, fra cui l'Italia, si traduce in importanti sgravi fiscali. A questo proposito, è stato calcolato che il modello da 1 litro, dal prezzo base 10.200 euro (lo ricordiamo), con 800 euro di contributo ecologico e con lo sconto di lancio offerto da Opel e dai concessionari di 950 euro, verrebbe a costare come il vecchio modello, ovviamente molto più povero di contenuti e tecnologia rispetto al nuovo.

La nuova Opel Agila costa un pò più della 'sorella' Suzuky Splash, ma appare molto simile come auto: entrambe le vetture escono dallo stesso stabilimento ungherese della Suzuki, sulla base di un'importante joint venture; Agila e Splash poi sono quasi una fotocopia l'una dell'altra e pure i motori sono gli stessi.

Sui lunghi percorsi autostradali, il nuovo modello Opel appare piuttosto reattivo alla guida, piacevole da gestire e comodo nell’uso del volante. Per quanto riguarda, invece, le prestazioni nei centri trafficati cittadini, la Agila rivela tutti suoi pregi di vettura city per cui risulta essere anche per un utilizzo urbano.


Il più grande difetto dell’Opel Agila vista in giro finora è che sembra una di quelle macchinine disegnate dai bambini che per la prima volta iniziano a prendere confidenza con matite e pennarelli. Praticamente un parallelepipedo su ruote, davvero lontana dai criteri che in Opel hanno sempre legato funzionalità ed eleganza. Per fortuna però adesso arriva la nuova versione, che cambia tutto.

Internamente spicca il cruscotto di concezione moderna e sbarazzina, con contagiri separato dal resto dei controlli, il cambio in posizione molto alta e la sistemazione particolarmente elevata dei sedili.

Video





Fonte: pubblicato il


Torna su