Pubblicità in televisione: quanti acquisti provengono grazie agli spot? Nuovo sistema di statistiche

Nuovo algoritmo da 6 milioni di dollari permette di capire quanto influesce uno spot tv sull'acquisto di un prodotto

L'idea è di TRA – nuovo astro nascente nel mondo dell'advertising – e prova a confrontare le informazioni di chi usa la televisione via cavo con le fidelity card dei supermercati e dei grandi magazzini.

L'idea è quella di riuscire a capire se una famiglia che guarda un certo spot pubblicitario poi effettivamente acquista il prodotto misurando in modo oggettivo l'impatto dell'annuncio sulle intenzioni del compratore. Questo sistema potrebbe dare finalmente una risposta concreta ai fantasmi dei pubblicitari che operano nel piccolo schermo e che da decenni si domandano se effettivamente il gioco dello spot in Tv vale la candela. Questi ultimi infatti spendono, per comparire, circa 70 miliardi di dollari all'anno solo negli Stati Uniti e da sempre si chiedono se siano soldi spesi bene. Per capirlo, occorrono dati più dettagliati: quante volte ogni famiglia assiste a un annuncio e se e quanto compra il prodotto consigliato.

TRA - come racconta il Wall Street Journal - sta sperimentando: 300 mila famiglie californiane sono già monitorate e si conta di superare il milione entro la fine dell'anno. Sette grandi magazzini invece offrono i dati per i confronti grazie all'aiuto di quelle tesserine che sembrano tanto innocenti ma che in realtà custodiscono tutti i comportamenti, le preferenze, la disponibilità economica e i gusti di chi acquista.

Ma quanto costa ai pubblicitari? TRA promette l'abbordabilità del proprio servizio: non servono né nuove banche di dati né l'ingaggio di singole famiglie. I database sono quelli delle famose carte fedeltà e i campioni sono presi a gruppo: quelli che viaggiano nelle Tv via cavo. Questo sistema rende l'intento più semplice e realizzabile rispetto a tutti i tentativi analoghi che pur sono stati fatti in passato con scarsi risultati (ricordiamo per esempio il Project Apollo di Nielsen). Tuttavia, l'algoritmo studiato è costato ben 6 milioni di dollari.





Fonte: pubblicato il


Torna su