UDC: non ci interessa entrare nel PDL, anremo alle elezioni da soli

L'UDC si dice contraria alla lista unica dei partiti e promette di andare in modo solitario alle elezioni

“L’Udc intende rimanere nel centrodestra con una sua autonomia. Niente lista unica del Pdl, dunque, ma uno schema che prevede il collegamento elettorale e di programma, così come farà la Lega Nord”.
E’ questa la posizione espressa dal segretario nazionale dell’Udc, On. Lorenzo Cesa, dopo l’annuncio del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi di creare una lista unica FI-AN.
“Naturalmente - ha aggiunto il segretario centrista - attendiamo l’esito dell’incontro tra Berlusconi e Fini per avere una idea precisa della situazione”.

"L'imposizione di un partito unico rispondente ad un'estemporanea operazione elettorale non ci interessa oggi come non ci interessava ieri". Per questo "se la scelta di Berlusconi e Fini impedirà una nuova alleanza per il Governo del Paese ci presenteremo autonomamente parlando agli italiani un linguaggio di serietà, verità e responsabilità".
Ma "non escludiamo affatto la federazione- prosegue Casini - è una possibilità concreta a cui siamo disponibili".

Il leader dello scudo crociato chiede "rispetto della nostra identità, della nostra storia e della nostra coerenza di tutti questi giorni". Una coerenza "non solo di questi anni ma di tutte queste ore" anche di quelle precedenti "allo scioglimento anticipato delle Camere".
Alla fine dell'incontro strettamente privato con "amici bolognesi" l'ex presidente della Camera detta quindi la linea del partito una linea che conferma la storia presente dell'Udc. "Abbiamo creduto e crediamo nella possibilità di unire i moderati in un nuovo progetto di governo".
Prima di uscire dal palazzo Europa, Casini spiega che la direzione del partito convocata per giovedí prossimo, deciderà se l'Udc entrerà a far parte del Partito delle libertà: "Noi le decisioni di solito le prendiamo negli organi di partito perchè è un partito che discute democraticamente. Quindi della futura coalizione si discuterà in quella riunione".








Fonte: pubblicato il


Torna su