Alitalia, oggi aerei a singhiozzo, si vola solo nelle fasce protette

Giornata difficile per chi deve volare

Giornata difficile per chi deve volare. E' scattato alle 10 anche all'aeroporto romano di Fiumicino, lo sciopero di 24 ore degli assistenti di volo dell'Alitalia aderenti al Sindacato unitario lavoratori trasporto. L'agitazione è iniziata al termine della prima delle due fasce orarie protette di 180 minuti ciascuna, la seconda è dalle ore 18 alle 21. Per ulteriori informazioni i passeggeri possono contattare il call center al numero verde 800 650055.

I passeggeri. Intanto sono iniziate le prime file nello scalo romano: 'E' da ieri che provo a mettermi in contatto con il numero verde dell'Alitalia - si lamenta un napoletano che si è visto cancellare il volo delle ore 12.50 per Dublino - ma non sono mai riuscito a parlare con l'operatore, perchè mi dava sempre occupato'. Sconsolati due ragazzi svedesi in fila davanti al banco biglietteria dell'Alitalia al terminal C: 'Non eravamo al corrente dello sciopero. Stamattina abbiamo lasciato molto presto l'albergo per raggiungere Fiumicino dove avremmo dovuto prendere il volo delle 12. Adesso non sappiamo a che ora riusciremo a partire'.

Alitalia. La compagnia di bandiera ha dovuto cancellare 59 voli, 26 nazionali e 33 internazionali a causa della protesta di hostess e steward indetta dal Sult su tutti i voli in partenza oggi da Roma e Milano (Linate e Malpensa). 'Alla fine saranno molti di più i collegamenti soppressi', secondo il segretario nazionale del sindacato, Paolo Maras, che prevede una forte adesione della categoria.

Le ragioni dell'astensione. Tra i motivi della protesta, spiega una nota del sindacato, 'la carenza di organici e conseguente e costante partenza di voli con personale ridotto e l'utilizzo al limite dello stress psicofisico del personale precario con contratto a tempo determinato'. Voli regolari invece per chi sceglie Air One. Lo sciopero di 4 ore, dalle 10 alle 14, dei piloti della compagnia privata, inizialmente previsto per lunedì, è stato rinviato al prossimo 19 settembre.

Nuovi scioperi. Nuovi disagi invece sono possibili martedì 26 luglio per uno sciopero di 8 ore (dalle 10 alle 18) del personale delle società gestioni e servizi aeroportuali. Nel trasporto aereo scatterà quindi la tregua estiva e le agitazioni non riprenderanno prima del 6 settembre quando è in programma uno sciopero di 4 ore (dalle 12 alle 16) del personale Enav di Roma, Malpensa, Brindisi e Milano.

Ferrovie. Problemi in vista, prima che scatti la tregua estiva, fissata dal 27 luglio al 3 settembre, anche nel settore ferroviario. Lunedì 25 a partire dalle 21 incroceranno infatti le braccia per 24 ore i macchinisti e i ferrovieri del 'Coordinamento 12 gennaio' che chiedono maggiore sicurezza sui treni.





Fonte: pubblicato il


Torna su