Multe con Autovelox: velocità riscontrate sono minori di quelle effettive così come le sanzioni

Il problema nasce quando per la legge le velocità reali, cioè quelle accertate dalle forze dell’ordine competenti tramite l’utilizzo di nuovi tutor, autovelox e radar, devono esser poi diminuite del 5 per cento. E le multe arrivano, a coloro che infr

Il problema nasce quando per la legge le velocità reali, cioè quelle accertate dalle forze dell’ordine competenti tramite l’utilizzo di nuovi tutor, autovelox e radar, devono esser poi diminuite del 5 per cento. E le multe arrivano, a coloro che infrangono i limiti, già ‘scontate’.

Se in autostrada si viaggia a 178 Km/h effettivi, circa 190 Km/h di tachimetro, si ha la certezza di avere al massimo una sanzione di 148 euro e solo 5 punti decurtati dalla patente. Mentre se invece si va a 147 effettivi (155 di tachimetro) la sanzione diventa di 36 euro e non c'è nessuna sottrazione di punti. Se, infine, ci si limita ad andare a 136 Km/h effettivi (un soffio oltre i 140 di tachimetro), si ha la certezza di passarla liscia. Questi sono soli alcuni degli esempi mostrati per far capire come effettivamente il funzionamento degli autovelox sia diverso da come dovrebbe

Ma la ‘debolezza Italia’ raggiunge anche casi clamorosi: chi si lancia a 200 Km/h effettivi in autostrada (oltre 210 di tachimetro) invece di finire dritto in galera come avviene negli Stati Uniti se la cava con una multa di 370 euro. E solo se dichiara chi c'era al volante, caso che non si verifica quasi mai, subisce la decurtazione di 10 punti dalla patente, la sospensione del permesso di guida da 1 a 3 mesi e il provvedimento di inibizione alla guida del veicolo, in una determinata fascia oraria  per i tre mesi successivi alla restituzione della patente di guida. Inoltre, se il titolare di patente commette un’ ulteriore violazione nel corso del biennio, la sospensione della patente è da 8 a 18 mesi. Una severità che potremmo definire solo teorica, aggirabile facilmente con il pagamento di qualche centinaia di eur








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su