Mutui per la prima casa agevolati per giovani coppie in Sardegna

Il contributo è previsto sino a 25 mila euro per l’acquisto (per un massimo del 25% del costo dell’intervento), la costruzione e il recupero della prima casa per giovani coppie per la loro prima abitazione

Oltre 85 milioni di euro (50 provengono da fondi regionali per il 2008 e il resto da fondi statali) finanzieranno un programma di edilizia straordinaria per l’acquisto, la costruzione o il recupero della prima casa, con la precedenza per le giovani coppie formate da disoccupati o lavoratori atipici. Il reddito familiare annuo per poter accedere alle agevolazioni non dovrà superare i 35.894 euro.

Il contributo previsto sino a 25 mila euro per l’acquisto (per un massimo del 25% del costo dell’intervento), la costruzione e il recupero della prima casa, privilegerà gli interventi di restauro nei centri storici, in particolare nei piccoli comuni delle aree interne.
La determinazione di sospensione della legge regionale 32/85 da parte del direttore del Servizio di Edilizia residenziale, è stata pubblicata sul Buras il 5 gennaio 2008 ed è collegata alla proposta di legge Finanziaria che prevede per l’anno in corso una nuova modalità di intervento: non più la concessione di mutuo a tasso agevolato bensì un contributo a fondo perduto in conto capitale.

Sono ammesse ad istruttoria le domande di mutuo che risultino inoltrate alla Regione, con le modalità
stabilite dall’Avviso Pubblico non oltre il 31.01.2008, purché corredate dell’attestazione bancaria di definitiva istruttoria tecnica e della seguente ulteriore documentazione:

1) se si tratta di interventi di acquisto: contratto preliminare di compravendita di data certa (registrazione agli effetti fiscali o atti equipollenti);

2) se si tratta di interventi di nuova costruzione o di recupero: concessione edilizia, o autorizzazione, intestate al richiedente;


3) se si tratta di interventi di acquisto con recupero: contratto preliminare e concessione o autorizzazione, registrato il primo e rilasciate le seconde;





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su