Sei milioni italiani per lavoro stressati, uno su cinque. Rimedi scientifici e soluzioni legali

Lo stress colpisce in maniera per così dire ‘democratica’ non risparmiando nessuno. Esistono soluzioni e rimedi a questo serio problema? La risposta è certamente affermativa. Basta saperle scegliere

Stressa da lavoro sempre più in crescita e che colpisce un pò tutti, senza distinzioni. E occorre prenderlo epr tempo prima che diventi una vera e propria tipologia. Ecco alcuni diversi rimedi di due tipologie principali.

Soffro lo stress recitava una canzone della celebre Boy Band. E mai verso fu più azzeccato. Il dato fa riflettere. E dovrebbe essere tenuto in grande considerazione per le ripercussioni che potrebbe avere, anzi che sicuramente ha, sulla salute. Un italiano su cinque, secondo uno studio della Socieà Italiana di Psichiatria soffre di stress da lavoro. E si sa che lo stress non è un buon compagno di viaggio per quelli che vogliono vivere più a lungo e magari anche in condizioni buone.

Tradotta in cifre questa percentuale significa che sono ben sei i milioni di lavoratori che soffrono di questa patologia. Ritmi sempre più frenetici, ansia da prestazione, minori tutele, e altri aspetti, sono tra le cause che stanno trasformando la giornata lavorativa in un vero e proprio campo da battaglia. Dove, ovviamente, sono i soggetti più deboli a pagare il prezzo più alto. Ma il problema è generale perché lo stress colpisce in maniera per così dire ‘democratica’ non lasciando indietro nessuno. Esistono soluzioni e rimedi a questo serio problema? La risposta è certamente affermativa anche se bisogna correre ai ripari. Farlo al più presto e nella maniera più efficace possibile è la sfida che i lavoratori devono porsi per il prossimo futuro.

Sei milioni di italiani stressati per il lavoro

Sei milioni di italiani sono stressati per il lavoro. Un totale che comprende anche le donne lavoratrici, che sono circa la metà, ancora più vulnerabili da questa patologia che agisce silenziosamente scavando nelle zone più imperscrutabili dell’animo umano. Ma i danni che provoca sono evidenti eccome. Disturbi legati all’ansia, casi di difficoltà ad addormentarsi la sera, bruciori di stomaco, nervosismo, frequenti mal di testa sono solo alcuni dei sintomi che dovrebbero far accendere la spia che, insomma, qualcosa non va. Sintomi che spesso non vengono correlati allo stress e vengono affrontati in maniera talvolta errata perché fatti risalire a cause sbagliate. E questo accentua il rischio di ricadute anche sulla vita e sulla tenuta delle relazioni sociali, messe a dura prova da questa alterazione generale del proprio stato di salute.

Soluzioni e rimedi per stress da lavoro

Una condizione generale di malessere, che non riguarda certo solo i lavoratori italiani e che può essere letta anche con la lente dei costi che la collettività deve sostenere per far fronte ai problemi che insorgono da questa patologia e che la Ue ha stimato aggirarsi intorno all’un per cento del Pil totale. Un’enormità. Costi enormi per una patologia che potrebbe essere controllata semplicemente creando condizioni più ‘umane’ per i lavoratori. Ma le soluzioni e i rimedi efficaci in grado di combattere lo stress da lavoro esistono. E, probabilmente, vanno comunicati in maniera più efficace.


Fondamentale in questo discorso resta la prevenzione che è molto più efficace rispetto all’utilizzo di medicinali che spesso alleviano i sintomi più evidenti, ma solo temporaneamente e spesso poi il malessere, soltanto sopito dall’azione dei farmaci, ritorna a galla con una veemenza ancora maggiore. Quindi oltre alle pillole e ai fari farmaci è necessario adottare altri rimedi contro lo stress. Rivolgersi a un bravo psicoterapeuta, usufruire di possibilità come il counseling potrebbe essere la soluzione giusta per combattere lo stress senza imbottirsi di farmaci spesso a base di oppiacei che quindi provocano un certo intontimento aggiunto all’assuefazione. Tenere presente queste alternative potrebbe essere il modo più vantaggioso per combattere lo stress da lavoro.





di Luigi Mannini pubblicato il


Torna su