Dieta: elementi fondamentali sono frutta e verdura con differenti accorgimenti

Per quel che riguarda il consumo di frutta e verdura, non bisogna andare oltre la giusta quantità. Fatto che appare alquanto scontato. Ma bisogna anche sapere se mangiarla la buccia oppure no e altri accorgimenti quando si fa, ad esempio, una dieta.

Frutta e verdure sono presenti in tutte le diete, nonostante il moltiplicarsi delle diverse tipologie ci sono sempre o quasi. Ma ci sono anche dei criteri da seguire nel mangiarle in modo da centrare i propri obiettivi.

Si, mangiare. Ma cosa precisamente per mantenere l’organismo sempre in forma e in buona salute? I nutrizionisti di tutto il mondo sono concordi nell’affermare che frutta e verdura rientrano certamente tra gli alimenti benefici per la salute e non acaso sono presenti in ogni dieta sia per dimgrire che per stare in forma. Tutti, almeno, o nella stragrande maggioranza dei casi, conoscono anche l’importanza di mangiare la buccia per le proprietà nutrienti e per le vitamine che spesso gli involucri contengono.

Non bisogna andare oltre la giusta quantità e questo sembra alquanto scontato. Ma bisogna anche sapere se mangiarla la buccia, oppure no. Quesiti legittimi che verranno risolti se leggete con attenzione questo articolo.

Mangiare buccia frutta e verdura

Mangiare tanta frutta e verdura, dunque, fa bene alla salute e non a caso è presente in tutte le diete e i differerenti regimi alimentari consigliati. Ma un’altra questione che segue a ruota questa abitudine è: buccia sì o buccia no? Nemmeno Shakespeare sarebbe in grado di rispondere così, su due piedi, a questo tremendo interrogativo. Se si ascolta il parere di nutrizionisti di ogni risma e latitudine, spesso si sente dire che la buccia di frutta e verdura è ricchissima di sostanze nutritive ed è caratterizzata dall’alto contenuto di fibre che, com’è noto, aiutano a saziarci a lungo.

Ecco perché la buccia può essere una valida alleata della salute, ma anche per consentire di chi è a dieta di sentire meno la fame. Il dubbio non di semplice soluzione è se basta lavare la frutta e la verdura per scongiurare il rischio di sostanze tossiche e pesticidi. Oppure se è meglio sbucciarle rinunciando così allo stesso tempo dell’importante apporto nutritivo della buccia. Secondo gli esperti la buccia va mangiata a patto di avere lavato accuratamente i frutti in questione. Con acqua fresca e un cucchiaio di bicarbonato, per essere sicuri di dissolvere eventuali pesticidi.


Attenzione poi alla consistenza perché, ad esempio la buccia della pesca tende a trattenere più sostanze tossiche e pesticidi rispetto a quella della mela. Questo significa che bisogna lavarla con un’attenzione maggiore. Infine, le sole due categorie di persone a cui sconsiglio di mangiare la buccia sono i soggetti allergici, poiché la maggiore presenza di sostanze estranee e potenzialmente allergeniche sulla buccia potrebbe essere nociva, e chi ha difficoltà digestive, perché le fibre aumentano sì il senso di sazietà, ma riducono anche lo svuotamento gastrico, rallentando la digestione.

Mangiare giusta quantità di frutta e verdura

Basterebbe mangiare tre porzioni di frutta e verdura al giorno per stare bene e curare il benessere del proprio corpo ed è spesso indciato nelle varie tiplogie di dita. Ma quale è la giusta quantità di frutta e verdura che si deve consumare quotidianamente per essere sicuri di raggiungere l’obiettivo? Bisogna mangiarne tanta, queste almeno sono le ultime linee guida che stanno circolando in questi ultimi giorni. Uno studio proveniente dal Canada ha infatti monitorato la salute dei partecipanti per dieci anni.

I risultati hanno rilevato che le persone che erano abituati a un consumo che variava da tre a quattro porzioni al giorno di legumi, vegetali e frutta presentano un rischio più basso di morire. I ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione sulla giusta quantità di frutta e verdura. Un elisir di lunga vita che può funzionare per aumentare l’aspettativa di vita e anche la qualità della stessa esistenza. La frutta, secondo gli scienziati canadesi che hanno affrontato questo studio, regala più vantaggi perché ricca di vitamine, sali minerali, fibre ed antiossidanti, elementi fondamentali per la salute umana. Inoltre, dato da non sottovalutare soprattutto per chi è alle prese con una dieta, la frutta contiene pochi grassi ed è poco calorica.

E poi c’è un’altra ricerca, recentemente pubblicata, che spiega come mangiare tanta frutta e verdura aumenti le chance di diventare un Rodolfo Valentino. Pare proprio che le donne siano attratte, infatti, dal profumo della pelle degli uomini che assumono frutta e verdura. Se non è sgradevole l’odore degli uomini che hanno una dieta prevalentemente proteica, il sudore di chi esagera con i carboidrati pare avere un profumo più forte e meno piacevole.





di Luigi Mannini pubblicato il


Torna su