Pensioni ultime notizie quota 100, pensioni mini, quota 100 convergenze-divergenze ricercatori, esperti (novità, pensioni)

Un rilancio necessario di novità per le pensioni profonde ancora ribadito da studiosi e ricercatori: ultime notizie e conclusioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:20): Una delle critiche che vengono fatte è quella della mancanzadi un sistema universale e la critica ai sistemi attuati anche i più recenti per le novità per le pensioni che sono più forme di aiuto a chi ha bisogno, ma anche su questo punto nelle ultime notizie e ultimissime non c'è una convergenza totale con alcuni che li considerano come un inizio che deve essere migliorato

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Vi sono due principali critiche che provengono dal mondo degli studiosi sulle novità per le pensioni, una strettamente collegata, l'altra invece che ne è un esempio di mancato uso nelle ultime notizie e ultimissime dove però, non tutti sono così d'accordo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Una disamina da parte di differenti e autonomi ricercatori e studiosi sia delle novità per le pensioni sia su cosa si è preferito voler attuare o cercare di farlo nelle ultime notizie e ultimissime per cogliere alcuni obiettivi.

Insieme a ultime notizie e dati oggettivi che confermano quanto sia necessario introdurre novità per le pensioni per riavviare un ciclo economico virtuoso attraverso rilancio di opportunità di impiego e produttività allo stesso tempo, sono diversi gli studiosi e i ricercatori che ultimamente hanno spiegato come una revisione dell’attuale sistema possa rivelarsi la migliore soluzione per riavviare un ciclo economico positivo attraverso un rilancio di attività e produttività.

Tendenze di studiosi e ricercatori e rilancio di novità per le pensioni

Per lo studioso Marco Bertoni, le attuali norme pensionistiche rappresentano la principale causa di mancanza di impiego per i ragazzi perché avendo alzato per tutti l’età pensionabile, costringendo, dunque, gli impiegati più anziani a rimanere in attività, chiaramente è stata bloccata ogni nuova opportunità per i ragazzi. L’inversione della tendenza si potrebbe, dunque, avere solo introducendo profonde novità per le pensioni che andrebbero davvero ad incidere sull’attuale sistema, novità per le pensioni come:

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza alcun onere;
  3. novità per le pensioni di revisione del sistema delle attese vita.


E attraverso queste novità per le pensioni, come spesso già spiegato, si avrebbe il grado vantaggio di permettere ai ragazzi di tornare ad avere opportunità di impiego grazie ai prepensionamenti degli impiegati più anziani. E l’impiego dei ragazzi permetterebbe, al tempo stesso, di dare nuovo impulso alla produttività delle imprese e, quindi, all’economia in generale. Ciò che comunque emerge dallo studio di Bertoni è che certamente le attuali norme pensionistiche hanno avuto effetti negativi sull’andamento delle attività, soprattutto per i ragazzi.

La posizione di Bertoni, secondo le ultime notizie, sembra essere particolarmente condivisa anche da Agar Bruguavini, ricercatrice presso l’Università Ca' Foscari di Venezia, che si occupa di pensioni e stato sociale, e che ha parlato della proposta di revisione del sistema delle attese vita, ritenendo, però, che per migliorare l’attuale situazione sia delle pensioni che degli impieghi, probabilmente al momento sarebbe meglio intervenire con altre novità per le pensioni, soprattutto in riferimento al mondo femminile, ma anche di miglioramento della già approvata novità per le pensioni con mini pensione.

Ha, invece, parlati del fallimento della nuova norma per l’impiego introdotta dal precedente esecutivo lo studioso Francesco Beraldi, secondo cui la stessa nuova norma per il rilancio di opportunità per i ragazzi che avrebbe dovuto avviare un rinnovato ricambio generazionale si è invece rivelata decisamente fallimentare, perchè è vero che nei primi mesi di approvazione la nuova norma ha portato ad un boom di assunzione stabili ma è anche vero che dopo poco tempo questa tendenza si è arrestata e che le ultime notizie sulla situazione di impieghi stabili ad oggi sono decisamente negative se si considerano i livelli pre crisi di impiego dei ragazzi.

Le ultime notizie su andamento di impieghi e produttività delle imprese, secondo Beraldi, confermano come necessario sia avviare nuove misure che siano in grado di rilanciare una crescita reale dell'economia in generale e queste misure potrebbero essere certamente quelle importanti novità per le pensioni di revisione dell'attuale sistema che contribuirebbero a rendere gli impieghi dei ragazzi di oggi meno precari e discontinui considerando che ad oggi, come confermano le ultime notizie, proprio queste due sono le caratteristiche principali di definizione delle attività per i ragazzi che, chiaramanete, non vedono alcuna certezza di un futuro roseo, nè da un punto di vista previdenziale, nè da un punto di vista privato, visto che lavorando a fasi alterne non sono in grado di crearsi quell'indipendenza economica tale da potersi creare una propria famiglia.

Posizioni già note di studiosi e ricercatori e di rilancio di novità per le pensioni

Ma sono diversi gli studiosi e i ricercatori che da tempo parlano di necessità di approvazione di novità per le pensioni e che nel corso degli ultimi messi hanno spiegato come e quanto inutili si riveleranno le ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione e quota 41. L’obiettivo, secondo gli studiosi, dovrebbe essere quello di riveder l’intero sistema pensionistico del nostro Paese soprattutto alla luce delle ultime notizie rese note da alcune ricerche secondo cui l’invecchiamento della popolazione nelle società avanzate frenerebbe notevolmente sviluppo e crescita economica, scoraggiando, di conseguenza, produttività, inflazione e investimenti. Sarebbe, dunque, la crescente presenza di anziani sempre più in attività a rappresentare il motivo del rallentamento della crescita di un Paese per cui risulterebbe decisamente necessario invertire la tendenza attuale che vede predominare nella società gli anziani rispetto ai ragazzi. Grazie all’introduzione di importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, ma anche di revisione del sistema delle attese vita, si potrebbero ottenere importanti vantaggi come:

  1. avvio del ricambio generazionale con rilancio di nuove opportunità di impiego per i ragazzi;
  2. rilancio di produttività ed efficienza;
  3. rilancio di consumi, e quindi dell’economia in generale.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su