Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 100, quota 41 Lagarde, Gurria, Pandolfi

Il suggerimento condiviso dagli organismi mondiali è di intervenire subito, anche sulle novità per le pensioni, ma c'è anche chi invita ad andare ben oltre le misurazioni del Prodotto interno lordo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Fatto questo, il secondo passaggio che Fmi invita a procedere a quello di sistemare gli squilibri attraverso le novità per le pensioni, dove ci sono troppe persone che non la prendono o trroppo poca e altri che rimangono fuori dal mondo delle attività come ben risulta nelle ultime notizie e ultimissime dai dati recenti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:39): La prima cosa che chiede e consiglia Fmi è quella di procedere ad una separazione tra aiuto e assistenza e novità per le pensioni, unode gli elementi che da sempre è fondamentale e lo è ancora di più nelle ultime notizie e ultimissime per differenti motivi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:01): In una lettura più semplicistica ci sarebbe la sollecitazione da parte del Fondo Monetario Internazionale di ulteriori sforbiciate sulle novità per le pensioni quando in realtà sta mutando il suo attegiamento e già almeno in altre due occasioni nelle ultime notizie e ultimissime ha spiegato bene cosa si dovrebbe fare ed una posizione condivisibile.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 5:01): Le realtà internazionali dispensano consigli per la ripresa e non hanno un attaggiamento ostico e contrario alle novità per le pensioni che vogliono si riprendano e non per infierire ulteriormente come una lettura nelle ultime notizie e ultimissime superficiale potrebbe far ritenere

Due sono le indicazioni che balzano subito all'occhio. La prima è che il nostro Paese sta sfruttando poco o nulla per le novità per le pensioni e per altre questioni strategiche la congiuntura favorevole. La seconda è che non basta l'aumento del Prodotto interno lordo nelle ultime notizie pensioni per poter dire di stare meglio.

Le ultime posizioni di Luigi Pandolfi e conseguenze per novità per le pensioni


Sono i numeri a rivelare per una volta i primi progressi verso la ripresa. Certo, se confrontanti con quelli degli altri Paese di prima fascia siamo ancora molto indietro. Ma naturalmente l'importante è aver compiuto i primi passi. Tuttavia non bisogna commettere il grande sbaglio di considerare la tanto ambita crescita del Prodotto interno lordo come la componente più importante in assoluto. Quasi la sola su cui si può contare. Si tratta della condizione essenziale per introdurre tutte quelle disposizioni da sempre richieste, come le novità per le pensioni, ma come mette in rilievo Luigi Pandolfi, ci sono altre variabili altrettanto importanti che non hanno una correlazione diretta con l'aumento del Prodotto interno lordo. Si tratta della crescita del benessere e della felicità dei cittadini. Il problema è che nel nostro Paese stanno migliorando i freddi indicazioni ma le condizioni di vita sono peggiori. E lo sono a tal punto che non sono state sufficienti le disposizioni per il contrasto all'indigenza, per il rilancio dell'impiego o per consentire di smettere anzitempo con novità per le pensioni ad hoc, per migliorare lo stato delle cose.

Le recenti posizioni di Angel Gurria e impatto su novità per le pensioni

Attenzione perché gli indicatori stanno segnalando una ripresa generalizzata, seppur non a livelli esaltanti, che fa ben sperare per il prossimo futuro. Ma in realtà il trend potrebbe subire una battuta d'arresto a tempo indeterminato per poi tornare in marcia. Queste sono le previsioni del segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Angel Gurria, con un invito sottinteso a mettere subito in moto tutte le azioni favorevoli per sfruttare al meglio questo ritmo di crescita. Nulla dura per sempre nell'ambito dello sviluppo e di conseguenza sarebbe quasi da folli non approfittarne per intervenire laddove ce n'è bisogno. Sulla riduzione del debito, ad esempio, ma anche sulle novità per le pensioni, eterne incompiute nel nostro Paese o, stando a precedenti indicazioni dell'organismo internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico, per avviare un rinnovato processi di rilancio della ricerca e dell'innovazione. Le sole novità per le pensioni non possono bastare per agganciare la ripresa, soprattutto nel breve termine, e vanno incastonato in un progetto più ampio che includa tutte le componenti.

Le ultime affermazioni di Christine Lagarde e impatto su novità per le pensioni

Il momento è favorevole e se potesse Christine Lagarde, vertice del Fondo monetario internazionale utilizzerebbe la formula "se non ora quando". Perché le condizioni sono certamente positivi e a tratti impensabili solo fino a poco tempo fa e i primi segnali di ripresa dovrebbero consentire di mettere mano in tutti quei settori dove siamo indietro. Come le novità per le pensioni, ad esempio, magari pensando di introdurre finalmente quell'assegno universale che solo da queste parti ci si ostina a non considerare utile. Nei ragionamenti di Lagarde entrano in fatti in gioco elementi inediti, sconosciuti fino a poco tempo fa, come la previsione di miglioramenti per agevolare chi è rimasto indietro, senza considerare il Prodotto interno lordo il solo strumento di misura di tutte le cose. Obiettivi raggiungibili? Sì, secondo il Fondo monetario internazionale, se la scommessa è quella di rilanciare l'impiego e cercare di allineare il nostro Paese agli altri più avanzati. E in questa partita anche le novità per le pensioni giocano un ruolo fondamentale perché rappresentano il mezzo da sfruttare per liberare posti per i ragazzi o per chi è privo di un'attività.








di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su