Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Rossi, Onida, Bertoni

La cancellazione della rendita concessa per aver fatto parte delle Assemblee elettive è una di quelle novità per le pensioni che non trova tutti gli osservatori d'accordo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:01): Dunque, da una parte abbiamo la magistratura che è favorevole, dall'altra diversi protagonisti in tutti gli schieramenti e più studiosi e ricercatori per queste novità per le pensioni e nonostante tutto nelle ultime notizie e ultimissime non si procede come si dovrebbe

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01):Non c'è soltanto uno schieramento che punta ormai da molto al riconteggio delle pensioni in odo aprticolare su alcune per spingere, poi, le novità per le pensioni ma diversi altri se ne stanno convincendo nelle ultime notizie e ultimissime come appunto passaggio inevitabile.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Il riconteggio delle pensioni per molti o almeno per chi ci sono le giuste condizioni di farlo è una delle novità per le pensioni inevitabili che in parte si ste già anche facendo nelle ultime notizie e ultimissime anche se al momento nel silenzio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 3:01): E si è ancora qui tra mille affermazioni e ragionamenti sul conteggio da rifare e la cancellazione dei privilegi per le novità per le pensioni che ha avuto un ruolo centrale nelle ultime notizie e ultimissime quando sarebbe solo un primo passo e pure simbolico per farne molti altri e velocemente.

In fin dei conti, questa proposta di novità per le pensioni prevede che per il conteggio degli assegni degli esponenti istituzionali sia utilizzato, come per i dipendenti e gli autonomi il metodo contributivo. I criteri si adeguerebbero a quelli delle disposizioni in vigore. Ma non tutti nelle ultime notizie pensioni la vedono allo stesso modo.

Le ultime posizioni di Valerio Onida e conseguenze per novità per le pensioni


La sua è una delle posizioni più complesse basate sul principio della ragionevolezza. In linea di massima Valerio Onida, già numero uno dell'Alta Corte, dice sì alla cancellazione della rendita concessa per aver fatto parte delle Assemblee elettive. Ma dice no al riconteggio indiscriminato per tutti gli ex rappresentanti. Anche se non si tratta di una novità per le pensioni in senso stretto, a suo dire i rischi che le disposizioni vadano contro la Carta fondamentali sono molto alti nei casi in cui questo assegno sia il prevalente se non l'unico strumento di sostentamento. Alla base di tutto c'è il sistema contributivo che diventa prevalente nel conteggiare il trattamento, perché basato sui soli contributi versati. A differenza del retributivo, nel quale il conteggio avviene sulla base dello stipendio, il contributivo adotta un coefficiente di trasformazione variabile che mette in rapporto quanto versato nelle casse dell'organismo pensioni con il momento del pensionamento. E poi c'è un'altra evidenza, secondo Onida, da questa novità per le pensioni: il provvedimento sembra pensato per ingraziarsi i cittadini in vista dell'appuntamento con le urne.

Le recenti posizioni di Roberto Bertoni e impatto su novità per le pensioni

Siamo tutto d'accordo nel ritenere poco significativo dal punto di vista numerico l'intervento (ancora da approvare) sulla rendita concessa ai rappresentanti per aver fatto parte delle Assemblee elettive. Questa novità per le pensioni avrebbe più un carattere simbolico che altro, considerando che la cancellazione è già in vigore per i neoeletti mentre adesso si tratta solo di una estensione agli esponenti istituzionali che ancora la ottengono. Ecco perché per il giornalista Roberto Bertoni si tratta non solo di una disposizione dal forte sapore demagogico, ma anche della messa in discussione di regole approvate ovvero quello che definisce un precedente gravissimo. In qualche modo è le negazione dello Stato stesso. Per come era stata immaginata questa novità per le pensioni, l'assegno scatta per i rappresentanti con una legislatura, a sessantacinque anni. Per quelli con due legislature l'assegno arriva togliendo un anno dai sessantacinque anni per ogni anno di legislatura portato a termine. La disposizione all'esame prevede il riconteggio delle rendite in essere con il metodo contributivo, molto meno vantaggioso rispetto al metodo che fu usato per conteggiare la rendita.

Le ultime affermazioni di Enrico Rossi e impatto su novità per le pensioni

Non è affatto casuale che la discussone sulla cancellazione della rendita concessa per aver fatto parte delle Assemblee elettive abbia trovato proprio adesso terreno fertile. Secondo Enrico Rossi, governatore della Toscana ed esponente del Movimento democratico e progressista, si tratta di un mo per distrarre la cittadinanza. Le urne sono vicine e provvedimenti come questi servono solo per cercare di acquisire credibilità. Perché poi è tutto da dimostrare che questa disposizione arrivi realmente in porto. Non solo, ma come fa notare Rossi, per come è strutturata in tanti si dicono convinti che in caso di ricorso, il provvedimento eventualmente approvato sarà cassato. Insomma, una grande presa in giro mentre a suo dire sarebbe invece necessario una novità per le pensioni differente, basata sul criterio della progressività, e che colpirebbe gli assegni superiori rispetto a una certa soglia. Il tutto affiancato da una seconda novità per le pensioni ovvero il riconteggio del retributivo con il contributivo e la successiva destinazione delle somme risparmiate a favore di chi percepisce realmente poco.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su