Pensioni ultime notizie pensioni mini, quota 41, quota 100 elezioni sistema convergente priorità (novità, pensioni)

Si torna a parlare di sistema per elezioni con ulteriori proposte: posizioni degli schieramenti e attese per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:01): Differenti sono le posizioni rispetto al precedente sistema per elezioni con una maggioranza spaccata, ma con un aumento dell'influenza del centro e del centro-destra che potrebbero portare ad un premio significativo di maggioranza fondamentale per le novità per le pensioni che potrebbe poi essere alla fine, nelle ultime notizie e ultimissime ripreso anche dai pentastallati e maggioranza ora appunto in dubbio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01) Una delle priorità che pare essere tornata, dunque, è la scelta del sistemadelle elezioni che dovrebbe garanire la massima governabilità affincheè le posizioni positive per le novità per le pensioni si trasformino effettivamente nelle ultime notizie e ultimissime in obiettivi concreti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44): Si ritorna a mettere al centro il sistema di elezioni fondamentale per le novità per le pensioni per numerosi e differenti aspetti dopo che nelle ultime notizie e ultimissime era stato accantonato

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 05:01):Per differenti motivi ricompare dopo essere stato messo da parte il sistema per le elezioni fondamentale per la prossima legislazione pechè abbia la governabilità e possa riuscire a prenedere decisioni tra cui le novità per le pensioni su cui si sta già ricercando nelle ultime notizie e ultimissime una certa ricerca del consenso.

Mentre ufficialmente le nuove discussioni sul sistema per elezioni riprenderanno dopo le vacanze, tra i diversi schieramenti fervono movimenti e organizzazioni per la definizione di un sistema che riesca davvero a garantire una piena governabilità per la prossima legislatura, iter che, però, stando alle ultime notizie, non si preannuncia molto semplice. Sono piuttosto forti e diverse le divergenze tra forze e singoli esponenti e decidere un sistema per elezioni condiviso non sarà certo semplice.

Sistema elezioni che ritorna e ipotesi in discussione al momento


Si è, dunque, concretamente riaperto il confronto sul sistema per elezioni tra i diversi schieramenti e, secondo le ultime notizie, si starebbe parlando di sistema di coalizioni e premio di maggioranza oltre il 35-40%, sistema che dovrebbe favorire l’alleanza tra centrodestra e di centrosinistra. E starebbero proprio pensando ad un sistema preveda la possibilità di coalizione con un premio di maggioranza del 55% dei seggi a Montecitorio e a palazzo Madama per chi dovesse superare il 35% dei voti e del 60% per chi riuscisse ad andare oltre il 40%:

  1. parte del centrosinistra;
  2. schieramento del Cavaliere;
  3. Carroccio;
  4. nuovo movimento democratico progressista;
  5. sinistra italiana.

Questo sistema, secondo le ultime notizie, sarebbe positivo per l’alleanza di centro destra, tra schieramento del Cavaliere, Carroccio e Fratelli di Italia e la nuova eventuale quarta forza che, come riportano le ultime notizie, dovrebbe contemplare i delusi del centrosinistra e i centristi. Allo stesso tempo, penalizzerebbe i pentastellati. Un sistema del tutto contrario alle due ipotesi di larghe intese tra attuale maggioranza e Schieramento del Cavaliere o Carroccio, petastellati e Fratelli di Italia.

Il premio alla coalizione, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbe particolarmente sostenuto dal Cavaliere, che ha auspicato che il centrodestra possa presentarsi alle elezioni in coalizione, aprendo a formazioni di centro che dovrebbero accogliere i delusi di maggioranza e centro. Anche attuale maggioranza, sinistra italiana, Area popolare, Carroccio e Fratelli di Italia lo vorrebbero mentre ne sarebbero del tutto contrari pentastellati e resto del centrosinistra.

Sistema per elezioni, prossimo voto e impatto su novità per le pensioni

In merito alla definizione del sistema per elezioni subito, le ultime notizie confermano come tutto sia ancora in divenire. Al momento non vi è alcuna certezza e non resta che vedere come si evolveranno le situazioni fino alla data effettiva del prossimo voto. In ogni caso, l’esito delle discussioni sul sistema per elezioni e conseguente esito del voto avranno un importante impatto sulla possibilità di rilancio di novità per le pensioni. Abbiamo, infatti, spesso ribadito come prossime elezioni potrebbero rappresentare l’occasione ideale di rilancio di novità per le pensioni, considerando che secondo le ultime notizie i diversi schieramenti le rilanceranno come priorità e se le decisioni si orientassero effettivamente verso l’ultimo sistema per elezioni proposto, ci sarà da aspettarsi un importante rilancio di novità per le pensioni tanto da centrodestra, con il Carroccio che più di tutti spingerebbe per una totale revisione dell’attuale sistema, ripartendo dalla novità per le pensioni di quota 100, sostenuto anche dalle idee di novità per le pensioni del Cavaliere tra assegno universale e novità per le pensioni di aumento delle pensioni inferiori, quanto da centrosinistra, che insieme a novità per le pensioni punterebbe anche su ulteriori misure sociali.

Il punto sarà capire se si arriverà ad un sistema per elezioni che sia in grado di assicurare una maggioranza certa e piena governabilità tali da portare effettivamente avanti iniziative urgenti al momento lasciate in sospeso, novità per le pensioni importanti come quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere comprese. In caso contrario, sarà difficile che questo accada e si correrà il rischio di lasciare ancora bloccati tutti i provvedimenti importanti, novità per le pensioni comprese, il che significherà aspettare ancora chissà quanto che questi sistemi vengano rilanciati con conseguente attesa di una reale spinta ad un nuovo ciclo economico positivo.








di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su