Dichiarazione redditi, Unico 2017: proroga ufficiale versamenti professionisti da Mef, Agenzia Entrate oggi mercoeldì, attesa Irap

La versione ufficiale del decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale sembra restringere la proroga al venti luglio 2017, oppure dal ventuno luglio al ventuno agosto con un aggravio pari allo 0,40%

AGGIORNAMENTO: Vi è stato nel tardo pomeriggio di oggi mercoledì 26 Luglio una comunicazione ufficiale da parte del Mef e dell'Agenzia delle Entrata in relazione alla proroga dei versamenti per l'Unico 2017 e la dichiarazione dei redditi per lavoratori autonomi e professionisti che abbiamo riportato nell'articolo appena aggiornato sotto.

AGGIORNAMENTO: Si continuano ad attendere anche oggi martedì 25 Luglio degli aggiornamenti rigurdanti la proroga dal 20 Luglio dei versamenti della dichiarazione dei redditi 2017 fattadall'Agenzia dell'Entrate e del Mef in manira ritardata, postuma di un giorno che hanno creato numerosa confusione e più problemi agli addetti ai settori che altro. I problemi e le richieste attuali fatte dalla parte interessanti le trovate sotto, si è arrivati a aprlare anche di una abolizione e cancellazione della proroga se non si interverrà con delle circolari e decisioni successive come spiegato sempre sotto

Oggi lunedì 24 luglio un’estate già torrida dal punto di vista climatico rischia di arroventarsi ancora di più anche per quel che riguarda la dichiarazione dei redditi, in particolare i versamenti Irap e Iva da parte dei professionisti. Sono attesi per oggi, lunedì 24 luglio, aggiornamenti sulla circolare dell’Agenzia delle Entrate e del Tesoro per capire qualcosa in più sulla proroga annunciata con un comunicato nei giorni scorsi che rischia di provocare più danni che benefici. Il fisco, in Italia, non riesce proprio a dare di sé quella prova di affidabilità che contribuirebbe, forse a riconciliare un rapporto che con il contribuente continua ad essere improntato alla più totale diffidenza. La versione ufficiale del decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, sembra restringere la proroga al venti luglio 2017, o dal ventuno luglio al ventuno agosto con un aggravio pari allo 0,40%, solo per il versamento delle imposte sui redditi dovute dai titolari di reddito d'impresa.

Se l’interpretazione giusta fosse questa allora i professionisti e i contribuenti non titolari di reddito d'impresa sarebbero esclusi dalla proroga mentre gli altri versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2016 e il versamento del primo acconto, non sarebbero interessanti da alcun differimento. Insomma, dalla proroga sarebbero esclusi gli altri versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi. Questo vuol dire che, automaticamente anche i versamenti Irap a saldo 2016 e primo acconto 2017, così come il saldo Iva 2016, sarebbero esclusi per i contribuenti titolari di reddito d’impresa che hanno spostato il pagamento del saldo con i versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi.

Proroga versamenti Irap Iva professionisti


Per quanto riguarda la proroga del 770 2017, lo spesometro e la proroga dell’invio della dichiarazione iva Businessonline.it ha provato già a chiarire il quadro con questo articolo. Per il resto la proroga dei versamenti Irap e Iva dei professionisti, sempre facendo riferimento al comunicato del MEF, dovrebbe spettare, considerato che è stata concessa anche per la tardiva pubblicazione della circolare esplicativa sugli studi di settore, ai soli titolari di partita Iva che esercitino una attività prevalente per la quale sono stati già elaborati gli studi di settore e non ne siano esclusi per l’ammontare dei ricavi o dei compensi.

Anche i contribuenti che dichiarano un reddito imputato da tali soggetti, i soci di società di persone o Srl in trasparenza fiscale, i collaboratori di impresa familiare o coniugi di aziende coniugali e infine i contribuenti in regime agevolato dei minimi o forfettario sarebbero soggetti allo stesso trattamento. Per quanto riguarda gli studi di settore la cosa rilevare è se lo studio risulti potenzialmente applicabile in quanto al codice attività prevalente per ricavi sia associato uno studio di settore validato. Oppure a nulla nel caso vi sia una causa di esclusione o di inapplicabilità. Non sono interessati dalla proroga:

E oggi mercoledì 26 Luglio, il Mef ha comunicato quanto segue:

Dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti delle imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40 per cento. Il nuovo termine verrà formalizzato con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze che sarà firmato nei prossimi giorni. Il DPCM uniformerà il trattamento tra titolari di reddito di impresa e titolari di reddito di lavoro autonomo.
In dettaglio, i versamenti interessati dalla nuova scadenza sono quelli derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione in materia di imposta sul valore aggiunto di imprenditori e lavoratori autonomi.
Con un altro DPCM, in dirittura d’arrivo, viene prorogato, al 31 ottobre 2017 il termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap
.








di Luigi Mannini pubblicato il


Torna su