Scegliere la polizza e l'assicurazione Rc auto migliore: guida di Cittadinanzattiva-Confconsumator

La guida illustra gli elementi principali di una polizza Rc auto, dalla classe di merito all’attestato di rischio, dal risarcimento diretto alla procedura di conciliazione

Cittadinanzattiva e Confconsumatori cercano di rispondere con la nuova guida “Mi rischio la polizza” e mettendo a disposizione una rete territoriale d’informazione e formazione, strumenti informativi di base e uno spazio on-line sui rispettivi siti internet delle due associazioni.

La guida ha come obiettivo quello di illustrare al meglio gli elementi principali di una polizza Rc auto, dalla classe di merito all’attestato di rischio, dal risarcimento diretto alla procedura di conciliazione. Essa rientra nell’ambito dell’omonimo progetto realizzato dalle due associazioni grazie al contributo della Direzione generale per l’armonizzazione del mercato e la tutela dei consumatori del ministero dello Sviluppo economico.

“Il progetto - dichiara il vice segretario generale di Cittadinanzattiva Giustino Trincia - è finalizzato a potenziare le capacità di orientamento dei consumatori e a valorizzarne il ruolo attivo nel mercato delle assicurazioni Rc auto, favorendo l’informazione in ordine alle più recenti novità del settore”.

La guida contiene un vademecum sulle assicurazioni, con chiarimenti sulla terminologia assicurativa e aggiornamenti sulle nuove normative di settore, nonché consigli pratici per la piena comprensione delle polizze; un monitoraggio delle tariffe, svolto in cinque città campione (Brindisi, Catania, Grosseto, Milano, Parma), per dimostrare che il costo delle polizze non è uguale per tutte le Compagnie.

Dall’indagine svolta su più preventivi Rc auto, è stato rilevato che le cifre variano notevolmente a seconda della compagnia assicurativa, del luogo di residenza, dell’età e del sesso dell’assicurato. È stato dimostrato che le compagnie dirette, telefoniche e simili, applicano prezzi convenienti solo per le classi basse (fino alla 7^/8^) ma molto più pesanti per le classi più alte.


“Il monitoraggio svolto – spiega la Confconsumatori - non può e non vuole dare un’indicazione pratica su quale sia il prezzo migliore."

Link:
http://www.cittadinanzattiva.it/
http://www.confconsumatori.it/








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su