Vendere, acquistare o affittare casa: solo un decimo degli italiani lo farà nel prossimo anno

Per quanto riguarda i soli acquisti, solo nel 6% dei casi si prevede di comprare un'abitazione.

Nel biennio 2007-2008 solo il 9,1% degli intervistati pensa di acquistare vendere, prendere in locazione o dare in locazione. Per quanto riguarda i soli acquisti, solo nel 6% dei casi si prevede di comprare un'abitazione.

Tra le maggiori preoccupazioni degli italiani il prezzo troppo alto in rapporto alle proprie disponibilità economiche.

In base alle previsioni, il mercato degli immobili mostra battute d'arresto soprattutto nelle città di Roma e Palermo, in particolare tra le famiglie con figli piccoli. Rispetto all'Indagine 2005, le transazioni sono scese di 7,2 punti. Nelle sei grandi città prese in esame risulta un calo importante di chi ha intenzione di acquistare (5,7 punti percentuali). Ciò nonostante per il 78,2% degli intervistati si tratta sempre di comperare un'abitazione principale.

"Chi acquisterà nel prossimo futuro - si legge nella nota - lo farà prevalentemente per la necessità di avere una casa propria o per migliorare le proprie condizioni abitative. Al secondo posto, con un notevole divario, troviamo la motivazione come seconda casa per le vacanze (9,2%), seguita da coloro che intendono acquistare una seconda casa per parenti prossimi (7,6%); infine, vi è chi pensa di acquistare per investire il proprio capitale (5%)".

Il prezzo è il problema centrale nell'acquisto della casa di abitazione: il 44,5% si preoccupa che il costo del bene sia idoneo alle possibilità economiche della famiglia, mentre il 42,9% valuta soprattutto le dimensioni. Altre variabili prese in considerazione sono la vicinanza dei trasporti pubblici, l'ubicazione del bene, la tranquillità e silenzio della zona, facilità di parcheggio etc. Nel complesso, rispetto al 2005, il mercato evidenzia un un punto di equilibrio fra compratori e venditori.


Per ciò che riguarda le locazioni, nel prossimo biennio solo il 2,1% degli intervistati pensa di prendere in affitto un immobile: si tratta in prevalenza di giovani studenti. Dal lato dell'offerta, solo lo 0,3% degli italiani pensa di concedere in locazione un bene. Nel 2005 il gap tra domanda e offerta era pressochè nullo (0,4 punti), mentre nell'Indagine 2007 è salito a 1,8 punti. In ogni caso, sul fronte affitti è la città di Roma ha prospettarsi più attiva.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su