Pensioni ultime notizie Ape Volontaria, Quota 41, Ape Social quando decreti attuativi se a incontro lunedì 13 Marzo o dopo ancora

Nonostante la riunione di lunedì sulle novità per le pensioni, i tempi di Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria rischiano di allungarsi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Si continua a parlare da settimane su Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria ovvero sulle principali novità per le pensioni, ma a oggi non solo non c'è una data certa del varo dei decreti attuativi. Ma stando alle preoccupazioni che trapelano dalle ultime e ultimissime notizie all'interno delle forze sociali, anche la data del primo maggio come avvio delle novità per le pensioni è a rischio.

Si va a avanti di riunioni in riunioni sulle novità per le pensioni ma senza che si arrivi alla conclusione del primo capitolo del progetto su Ape social, Quota 41, Ape volontaria. Nonostante ci si attendeva la chiusura di questa partita già da una decina di giorni, il terreno è ancora instabile e resta ancora molta da migliorare e definire. Non solo, ma lo stesso incontro di lunedì 13 marzo tra forze sociali e maggioranza, da più parti indicato come interessante e risolutivo, rischia di rivelarsi un passaggio interlocutorio. Gli attesi decreti attuativi rischiano di non vedere la luce e di subire un ennesimo slittamento nonostante il ripetuto annuncio sull'entrata in vigore delle nuove norme già il primo maggio. Per sapere quanto il faccia a faccia di lunedì si rivelerà un appuntamento di rilievo non resta che attendere ovvero scoprire se gli esponenti della maggioranza si presenteranno al tavolo del confronto con le risposte attese.

Novità per le pensioni e le risposte attese

Sono evidentemente tanti gli aspetti da chiarire sul complesso progetto delle novità per le pensioni, articolato nei passaggi chiave di Ape social, Quota 41, Ape volontaria. Ad esempio, non è noto il tasso di interesse applicato dagli istituti di credito per i pensionandi che intendono utilizzare lo strumento dell'Ape Social per smettere anzitempo. Si conosce il range entro il quale muoversi, ma non la quota esatta. E allo stesso tempo, anche le trattative con le assicurazioni nono sono evidentemente ancora concluse. Le forze sociali attendono risposte precise così come sono ancora in una posizione di attesa in riferimento alle modifiche sulle condizioni per accedere all'Ape con l'utilizzo di franchigie sia per i 12 mesi di contributi sotto i 18 anni sia per i 6 anni continuativi.

E non si tratta dei soli argomenti su cui è attesa la decisione finale prima che possano realmente iniziare i nuovi lavori su novità e ulteriori miglioramenti da introdurre nel sistema delle novità per le pensioni. Sono ancora in sospese le risposte sull'ampliamento delle categorie che possono accedere alle mini pensioni senza oneri e sulla stessa definizione degli atti finali. Se i dicasteri interessati forniranno le indicazioni già nella riunione di lunedì, allora è lecito credere che entro la fine della prossima settima possano arrivare i decreti attuativi sulle novità per le pensioni. Di contro, se si dovessero presentare a mani vuote, i tempo sono destinati ad allungarsi e allora l'appuntamento con i dettagli finali, ma essenziali, sulle novità per le pensioni, arriverà solo alla scadenza dell'ultima data indicata ovvero il 31 marzo.

E non sono da escludere soluzioni transitorie, di cui tra l'altro si è abusato a più riprese anche in relazione alle novità per le pensioni. In particolare, gli stessi decreti attuativi potrebbe essere varati senza essere completi. In buona sostanza si punterebbe a rispettare i nuovi tempi di consegna, ma collegandoli a successivi atti e chiarimenti . Da qui la preoccupazione pubblica espressa dalle stesse forze sociali sul rischio di mancato rispetto dei tempi di avvio dell'Ape. E il tutto mentre nel frattempo le altre novità come opzione donna, ricongiunzione e cumulo gratis dei contributi sono ancora bloccati in attesa delle circolari definitive.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su