Pensioni ultime notizie previsioni vita rilancio revisione da Atella, Ricciardi, Alleva da pensioni mini, quota 100, quota 41

Nuove ricerche e ultime notizie da Atella, Ricciardi, Alleva su situazione italiana e urgenza di novità per le pensioni e revisione speranze di vita

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:05):Inoltre ragionare solo sulle probabilità di vita così come sono, freddamento, è mostrato sbagliato sia da un punto di vista umano che economico. E questo secondo aspetto è mostrato anche dal recente studio nelle ultime notizie e ultimissime che in realtà chiaramente si interseca anche con la parte "umana", in quanto si parla di salute, dove si dimostra che le probabilità di vita tendono anche a crescere (ma abbiamo visto come questo non è sempre vero), ma con un peggioramento delle condizioni di salute proprio a partire dai 55-60 anni che non solo abbassa la produttività, ma fa aumentare i costi per la gestione sanitaria pagando miliardi e miliardi che si sottragono ai cosidetti risparmi di far andare le persone quasi a 70 anni in pensione. Ci vuole il giusto equilibrio e questo deve essere dato dalle novità per le pensioni su questo livello insieme ad altri.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): E' necessario rivedere le probabilità di vita all'interno delle novità delle pensioni come spiegano Ricciari, Atella ed Allevi differenti loro ricerche e studi anche nelle ultime notizie e ultimissime. Ad esempio, in uno di questisi nota come queste si siano abbassate, rispetto a quanto si prevedeva arrivando in alcune regioni ad una media simile alla Bulgaria e Romania. Ma solo per fare questo servirebbe apporttare delle modifiche, in quanto le regole attuali, paradossalmente, permettono solo di alzarle e non abbassarle. Ma il problema ovviamente non è solo questo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Sono dunque valide e comprensibili le ragioni per cui vanno rivisti molti aspetti delle novità per le pensioni, anche e soprattutto quelli associati alle novità per le pensioni. L'impatto dell'aggravamento dei requisiti per congedarsi senza troppo penalizzazioni è sia di natura sociale con un mercato dell'occupazione sempre più chiuso e sia sulle stesse condizioni di salute, come abbiamo appena visto dalle ultime e ultimissime notizie.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Iniziano ad essere diverse e a crescere di numero le dimostrazioni che la base su si regge l'attuale sistema delle pensioni è sbagliata o perlomeno deve subire degli aggiustamenti. E non a caso è tra i punti fondamentali delle novità per le pensioni che saranno affrontate ufficialmente nel prossimo iter che sta per iniziare. Ed è interessante in questo senso questa ultima ricerca pubblicata nelle ultime notizie e ultimissime che abbiamo scritto di seguito insieme ad altre presentate precedentemente.

Mentre ci si avvia alla presentazione ufficiale dei decreti attuativi sulle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, si parla anche di contestuale avvio di un secondo momento di analisi di ulteriori novità per le pensioni da portare avanti nei prossimi mesi. Le intenzioni, come riportano le ultime notizie, sono quelle di una nuova riunione, già fissata per il prossimo 23 marzo, tra esecutivo e forze sociali, in cui tornare a parlare proprio di quelle novità per le pensioni ancora da sviluppare e definire, tra cui dovrebbe rientrare la revisione del sistema di adeguamento dell’età pensionabile alle speranze di vita. Si tratta, infatti, di un cambiamento da tanti richiesto nel corso di questi mesi, soprattutto in riferimento a determinate categorie di lavoratori, ma che dovrebbe ormai valere per tutti, considerando le ultime notizie riportare da alcune recenti ricerche e studi sulla situazione delle speranze di vita nel nostro Paese.

Le ultime affermazioni di Atella e impatto su novità per le pensioni


Stando alle ultime notizie emerse da una ricerca della Fondazione Farmafactoring realizzata insieme al CEIS Tor Vergata, tra i cui ricercatori figura Vincenzo Atella, un allungamento della vita non va di pari passo con una buona vita che permette di continuare a lavorare in buona salute. La ricerca ha, infatti, evidenziato un peggioramento delle condizioni di salute negli ultimi anni di vita, con l’acuirsi in molti casi di malattie croniche. Secondo quanto affermato, tra gli altri, da Atella, le condizioni che emergono sono il risultato di diversi fattori socio-economici, dagli stili di vita poco salubri, all'esplosione del debito pubblico ai rincari dei prezzi, che hanno determinato un generalizzato peggioramento della qualità della vita, con effetti negativi sullo stato di salute , sia per i più giovani che per i più grandi.

In ogni caso, come riportano le ultime notizie, queste situazioni si ripercuotono anche sul buon esito lavorativo e quindi produttivo: non riuscendo, infatti, a svolgere al meglio le proprie attività, ne risente la produttività che cala, e sono elevati i costi che vengono poi sostenuti per le cure assistenziali delle persone malate.

Secondo la ricerca di Atella, si tratta di una spesa extra per il sistema sanitario nel 2014, rispetto al 2000, di circa 8,7 miliardi di euro, che significa arrivare a 54 miliardi di euro per l'intero quindicennio. Una spesa troppo elevata per il nostro Paese che potrebbe notevolmente calare con revisioni e riorganizzazioni del sistema in generale, coinvolgendo anche le novità per le pensioni, nonché delle abitudini di vita.

Le ultime affermazioni di Ricciardi e conseguenze su novità per le pensioni

Notizie allarmanti sono state rese note anche dal presidente dell'Istituto superiore di sanità Walter Ricciardi, che sul discorso speranze di vita, ha chiaramente affermato la necessità di una revisione del meccanismo, sottolineando un forte squilibrio all’interno della stessa Italia, tra regioni del Sud, come Campania e Sicilia, dove la speranza di vita alla nascita è di 4 anni inferiore rispetto a Trentino e Marche, sfiorando i livelli di Paesi come Bulgaria e Romania a fronte di regioni del Nord che, invece, sembrano vivere come i Paesi del benessere del Nord Europa. Ricciardi ha spiegato come la situazione italiana sia disomogenea su tutto il territorio nazionale a causa di differenze di assistenza sanitaria, cure della persone, disponibilità e accesso ai servizi, che penalizzano fortemente i cittadini del Sud del nostro Paese paragonabile alle regioni dell'Est Europa e addirittura all'Africa.

E si tratta di una situazione che per Ricciardi è destinata ad aumentare ancora se non si farà qualcosa. Ma i numeri riportati dalle ultime notizie rese note dal presidente dell'Istituto superiore di sanità dimostrano come l’agganciamento delle speranze di vita all’aumento dell’età pensionabile non possa più sussistere, considerando che se la speranza di vita si riduce cade la logica del lavorare di più perché si vive più lungo, che sarebbe quella su cui si fondano le attuali norme pensionistiche. Via libera, dunque, dovrebbe essere data, tra le altre novità per le pensioni come quota 100 o quota 41 per tutti, anche alla modifica del sistema delle speranze di vita.

Le ultime posizioni di Alleva e impatto su novità per le pensioni

Anche il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, fotografa una situazione italiana davvero desolante per giovani e occupazione soprattutto, situazioni collegate che meritano di essere poste al centro dell'attenzione. Proprio le ultime notizie Istat hanno certificato una non occupazione giovanile ancora alta, una situazione economica italiana in stallo e, paradossalmente, un aumento degli occupati tra gli over 50, una tendenza che, secondo lo stessa Alleva, deve necessariamente essere invertita se si vuol far davvero ripartire l'Italia. E questa nuova partenza dovrebbe prendere il via da quelle novità per le pensioni importanti, come quota 100 o quota 41 per tutti, in grado di permettere ai giovani di inserirsi nel mercato occupazionale, dando, di conseguenze, nuova spinta a produttività, consumi e, quindi, economia in generale.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su