Forum mondiale di Internet in Brasile: sarà discussa una carta dei diritti e doveri utenti

L'Italia propone da tempo una definizione pubblica dei diritti degli internauti, che si sostanzia nella stesura di una 'carta costituzionale' di Internet

Del diritto primario di ciascun cittadino mondiale di accedere alla tecnologia e alla connettività si farà portavoce la delegazione del Governo italiano al secondo Forum mondiale sulla governance di Internet, in programma da 12 al 15 novembre a Rio de Janeiro, promosso dalle Nazioni Unite.

Il ministro per le Riforme, Luigi Nicolais, ha istituito uno specifico Comitato sulla governance di Internet di cui fanno parte Laura Abba e Stefano Trumpy dell'Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa (Iit-Cnr), che a Rio de Janeiro sosterrà con forza il "modello italiano" di una nuova Internet, aperto e partecipato.

L'Italia propone da tempo una definizione pubblica dei diritti degli internauti, che si sostanzia nella stesura di una "carta costituzionale" di Internet che salvaguardi il bene più prezioso di tutti coloro che vi si accostano: la libertà.

"La Rete è libertà di raccogliere, elaborare e comunicare idee, informazioni e conoscenze di ogni genere - osserva Laura Abba -

Questo è l'elemento caratteristico e fondamentale che differenzia Internet da tutti i sistemi di comunicazione precedenti. Il modello a partecipazione pubblica da noi suggerito, nel quale chiunque sia direttamente toccato dai problemi della Rete ha diritto di avere voce in capitolo nei processi che ne determinano la soluzione, intende tutelare proprio i diritti fondamentali della persona, dalla libertà di espressione al rispetto delle diversità, alla sicurezza.


E, soprattutto, quello che oggi ne è l'elemento abilitante indispensabile: il diritto alla connettività. Se la comunità mondiale continuerà in larga misura a non poter interagire attraverso la Rete, i concetti stessi di società dell'informazione e di Internet governance saranno svuotati di ogni significato





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su