Trimestrale Piaggio: buoni risultati grazie alla Vespa a tre ruote Mp3 e ad esportazioni

Alla crescita delle vendite hanno contribuito soprattutto il buon andamento delle vendite della Vespa del modello a tre ruote Mp3. Le aree commerciali più dinamiche sono state quella statunitense e i Paesi dell’Estremo Oriente, come India, Cina e Vie

Il titolo Piaggio è in rialzo a Piazza Affari dell’1,50% a 2,92 euro circa, dopo aver pubblicato ieri sera i risultati relativi al terzo trimestre. In particolare, il gruppo di Pontedera ha archiviato i primi nove mesi del 2008 con un utile netto in calo del 14% a 66,4 milioni di euro dai 77,6 milioni di euro di un anno. I ricavi sono cresciuti del 6,5% a 1,4 miliardi di euro, mentre il margine lordo industriale, è risultato pari a 412,7 milioni, in crescita del 2,3% e con un’incidenza del 30,1% sul fatturato. L’Ebitda è salito del 9,2% a 200,4 milioni di euro.

Colaninno, presidente di Immsi, la holding che controlla Piaggio, si è detto molto soddisfatto dei risultati raggiunti, in quanto il calo dell’utile netto è dovuto essenzialmente alla gestione fiscale piuttosto che a quella operativa.

Alla crescita delle vendite hanno contribuito soprattutto il buon andamento delle vendite della Vespa del modello a tre ruote Mp3. Le aree commerciali più dinamiche sono state quella statunitense e i Paesi dell’Estremo Oriente, come India, Cina e Vietnam.In particolare in India, le attività sono cresciute del 16,6% contro il 14,6% dei primi sei mesi dell’anno.

In effetti, nessuna sorpresa negativa ha accompagnato i conti, anzi, mentre il risultato operativo è risultato essere in linea con le aspettative, l’utile netto è risultato essere superiore alle stesse grazie a minori ammortamenti e svalutazioni.

Altro aspetto positivo da evidenziare è la diminuzione dell”indebitamento finanziario netto, sceso a 259,5 milioni, in riduzione rispetto sia al dato del 30 giugno 2007 (277,1 milioni), sia a quello di fine 2006 (318 milioni).


Centrare gli obiettivi sull’intero 2007 sarà comunque molto difficile in quanto il prossimo 4° trimestre, per centrare le previsioni, dovrebbe essere superlativo, con una crescita del fatturato oltre il 12% e un incremento dell”ebitda a doppia cifra.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su