Licenziato manager diabetico a Ravenna. Il giudice ne riordina il rientro al lavoro

Un manager di una importante società finanziaria sarebbe stato licenziato in tronco perché ritenuto ‘inidoneo’ al suo lavoro in quanto diabetico.

Stando a quanto riportato da Quotidiano Nazionale, notizia poi ripresa dall’Agi, un manager di una importante finanziaria del ravennate sarebbe stato licenziato in tronco perché ritenuto ‘inidoneo’ al suo lavoro.

L’uomo, che rivestiva tre incarichi nell’azienda, ossia quello di controllo e monitoraggio dei fidi, recupero crediti e prevenzione del rischio e affidamento dei clienti, si è visto prima privato dei primi due incarichi, per poi, ad aprile, durante un periodo nel quale era in malattia, perdere anche il terzo incarico, condizione questa che lo ha spinto ad intentare una causa civile contro l’azienda, per il ‘ridimensionamento’ subito.

Causa civile alla quale ha fatto seguito l’invio, da parte della finanziaria, della lettera di licenziamento, con la motivazione che l'uomo sarebbe “inidoneo perché diabetico”, aggiungendo un giudizio sull’attività da lui svolta, ritenuta “obiettivamente insoddisfacente e lacunosa”.

Il ricorso presentato dal manager ha avuto un esito vittorioso, dal momento nessuna commissione medica era stata incaricata di esaminare il caso del dipendente, il giudice Roberto Riverso ha giudicato la decisione della finanziaria come “non corretta e non condivisibile”, ordinando così l’immediato reintegro in azienda del manager. Stando a quanto scritto dal giudice l’azienda sarebbe rea di aver colto al balzo alcune dichiarazioni dell’ormai stanco e sconfortato dipendente, che aveva confidato di essere ormai “diventato quasi cieco”.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su