Pubblicità Walkman di Sony: nuovo spot con uso rivoluzionario della musica creata da 128 musicisti

Parte a fine ottobre la campagna WALKMAN presentata oggi in anteprima alla “Walkmanight” presso il RollingStone. Un nuovo spot veicolato in rete per il brand WALKMAN che stupisce rivoluzionando l’uso della musica in pubblicità

Sony, pioniere della musica portatile, affida il lancio della nuovagenerazione di WALKMAN a "Music Pieces" – una creazione artisticafrutto della collaborazione di 128 musicisti con vari talenti delcinema e della "pop industry". Il risultato è un'esperienza acustica evisiva completamente nuova.

L'innovativo spot è firmato dall'agenzia Fallon, dallo stesso team di creativi che ha ideato la trilogia per BRAVIA.

È il primo spot che lavora sul concetto di "monofonia" e lo realizzatrasformando un "riff in assolo" in un "riff in ensemble" ripartito tradiversi musicisti. Peter Raeburn, autore delle colonne sonore di moltifilm di Hollywood ["Sexy Beast – L'ultimo colpo della Bestia", "Birth –Io sono Sean"], ha composto una melodia espressamente per il progetto,che è stata poi decostruita nota per nota e battuta per battuta percreare musica... like.no.other.

Ogni musicista ha suonato una sola nota; l'arrangiamento strumentaleè servito a formare una "griglia acustica" che è stata "diretta" dalcelebre regista di video musicali Nick Gordon [The Kooks, Muse,Supergrass], creando spettacolari onde di suono e movimento quando lesingole note venivano riprodotte in sequenza per ricostruire la melodiaoriginale.

"Music Pieces" costituisce la base di una campagna di marketingintegrata, che abbraccia radio, stampa, Web, promozione in-store,eventi collaterali e PR.


Il regista Nick Gordon ha commentato: "Tecnicamente, è stata unadelle più grandi sfide della mia carriera. Non solo abbiamo fattoesperimenti con uno stile musicale finora mai tentato, ma dovevamo farsì che funzionasse anche sul piano visivo. E questo voleva diredirigere 128 musicisti che suonavano di tutto – dalle percussioni alpiano, alla kalimba e alla chitarra elettrica – e trovare una nuovatecnica che permettesse di registrarli. In più Sony ci ha chiesto di‘non fingere', e cioè dovevamo filmare l'intera sequenza in un solociak. Il risultato finale giustifica i mezzi, però! Era decisamente unprogetto ambizioso. Volevamo produrre uno spot di grande impatto, evolevamo anche che la gente pensasse alla musica come a una formad'arte in evoluzione. Spero che il nostro lavoro offra nuovi spunti diriflessione e spinga altri artisti a sperimentare in campo musicale...proprio come WALKMAN ha innescato una rivoluzione tecnologica nel campodei lettori portatili".

Il nuovo spot di WALKMAN riprende la tradizione di Sony di mostrareesperienze che possono essere riprodotte realmente. Questo si ètradotto in 98 microfoni per registrare il brano, 3 giorni perfilmarlo, un solo ciak e 128 musicisti che dovevano suonare per 30secondi senza fare errori.

Hugo Feiler, General Manager Audio Marketing Communications di Sony Europe, ha dichiarato: "Ilmarchio WALKMAN di Sony è espressione di una passione comune per lamusica, capace di unire le persone e di dar vita a esperienze‘like.no.other', come recita lo slogan. Il nuovo spot incarna tuttiquesti valori. Chi ama la musica troverà certamente degli spunticoinvolgenti in questo lavoro – qualcosa che lo farà pensare. È unesperimento tecnico immensamente complesso. Abbiamo fatto una cosa che,musicalmente parlando, non era mai stata fatta prima, ma dovevamocurare anche il lato visivo per garantire un'esperienza unica etravolgente. Sony cerca sempre di infrangere nuove barriere, e questospot lo conferma. Questa straordinaria alchimia di talenti e dipassione ha prodotto un'esperienza organica che – ne siamo certi –catturerà l'immaginazione creativa del pubblico".

Un breve trailer di "Music Pieces" è visibile in anteprima sul sitodedicato, con alcune scene "dietro le quinte" girate durante larealizzazione dello spot e la possibilità di immergersi online inun'esperienza acustica e visiva totalmente inedita.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su