Nuovo Governo Gentiloni, nuovo presidente del Consiglio ufficiale con riserva. Come sarà Governo e Ministri

Paolo Gentiloni sarà il prossimo Presidente del Consiglio. L'ex ministro degli esteri è stato convocato al Quirinale alle 12.30 dal Presidente Mattarella che gli conferirà ufficialmente l'incarico

La crisi che si è aperta formalmente con le dimissioni del Presidente del Consiglio Matteo Renzi all’indomani della consultazione referendaria che ha bocciato la proposta di riforma della costituzione, si avvia molto probabilmente al suo epilogo finale. Mattarella, come aveva promesso all’inizio del giro di consultazioni con le forze politiche presenti in Parlamento, ha sciolto i nodi addirittura prima della scadenza che lui stesso aveva indicato per domani, lunedì dodici dicembre. E, a meno di improbabili colpi di scena dell’ultimo minuto dovrebbero essere stati rispettati i pronostici delle ultime ore. La scelta del Capo dello Stato dovrebbe ricadere su Paolo Gentiloni che è stato convocato per le ore 12.30 al Quirinale. Evidentemente per ricevere l’incarico di Presidente del Consiglio di un Governo che avrà compiti chiari e coincisi. Quello di armonizzare le leggi elettorali tra i due rami del Parlamento e quello di garantire il massimo sostegno alle popolazioni terremotate del centro Italia. Inoltre l’esecutivo, e questo rappresenta forse l’aspetto più importante che ha suggerito di perseguire la strada della velocità all’inquilino del Colle, dovrà garantire il rispetto delle scadenze e degli impegni assunti dall’Italia a livello internazionale. Il primo dei quali è previsto già per giovedì prossimo, quindici dicembre, quando a Bruxelles si riunirà il Consiglio Europeo. L’Italia dovrà arrivare a quella scadenza con un governo già insediato e nel pieno dei propri poteri, questo è l’obiettivo del Presidente della Repubblica.

L’ex ministro degli esteri, come da prassi, dovrebbe accettare l’incarico ma con riserva. Una consuetudine che deriva dal fatto che Gentiloni dovrà prima essere in grado di presentare la lista dei ministri del suo Governo prima di diventare a tutti gli effetti il prossimo Presidente del Consiglio. Visti i tempi ristretti e l’accelerazione impressa dal Capo dello Stato alla risoluzione di questa crisi. Confermate quindi le ipotesi più accreditate delle ultime ore che davano proprio Paolo Gentiloni favorito per la corsa a Palazzo Chigi. Una figura molto vicina a Matteo Renzi, in grado di fornire la necessaria continuità dunque con l’esecutivo appena dimessosi, ma in grado di tenere aperti i ponti anche con le diverse anime di un Partito Democratico all’interno del quale è iniziata anche la corsa per il prossimo congresso che si concluderà nella prossima primavera. Gentiloni salirà al Colle alle 12.30 e riceverà formalmente il mandato da Sergio Mattarella.

Confermato quindi lo scenario più plausibile emerso dalle consultazioni del Quirinale. La scelta del Partito Democratico di non fornire una rosa di nomi papabili alla poltrona di Palazzo Chigi, comunicata al Presidente della Repubblica sabato sera durante l’ultima fase delle consultazioni al Quirinale, aveva fatto pensare che la scelta sarebbe ricadute proprio sul ministro degli Esteri che ha provato a sviare i sospetti, pur incarnando, in qualche modo, il successore naturale del Premier uscente Renzi. Un incarico che Gentiloni non ha cercato, ma che ha conquistato sul campo grazie alle sua prudenza che ne ha permeato l’intera attività politica facendogli compiere i passi che sono sempre andati nella giusta direzione. Come quelli che l’hanno avvicinato a Matteo Renzi, lui che era stato il braccio destro di Rutelli ai tempi del Campidoglio, abbandonando l’ex leader della Margherita e sindaco di Roma nel momento in cui ha deciso di uscire da Partito Democratico. Accortezza premiata oggi che riceverà dalle mani del Presidente della Repubblica, l’incarico di formare il nuovo governo.





di Luigi Mannini pubblicato il


Torna su