Nuovo sistema di Youtube per controllare i video che violano il copyright

Google ha annunciato oggi il lancio ufficiale della versione 'operational testing' di una tecnologia di identificazione dei filmati per il 'magnetico' YouTube

Google ha annunciatooggi il lancio ufficiale della versione "operational testing" di unatecnologia di identificazione dei filmati per il "magnetico" YouTube, che dovrebbe aiutare il rilevamento di contenuti protetti da diritti d'autore sul popolare servizio di video-sharing. Il test della tecnologia di filtro per copyright era stato annunciato già quest'estatedal colosso della ricerca, e riguarderà inizialmente i contenuti deipartner come Walt Disney, Time Warner e CBS con la possibilità, per glialtri content owner, di registrarsi per partecipare al programma.

Dal blog ufficiale di Google: "Alcuni mesi fa, abbiamo annunciatolo sviluppo iniziale di piattaforma tecnologica e strumenti altamentesofisticati per l'identificazione dei contenuti per YouTube. Oggi siamofelici di annunciare il lancio in forma Beta di 'YouTube VideoIdentification'".

Secondo il colosso, si tratta di un nuovo elemento di una lunga lista di strumenti e criteri per i contenuti video che sono stati forniti ai copyright owner in modo da semplificare l'identificazione di materiale protetto e la gestione della sua disponibilità su YouTube.

YouTube Video Identification riunisce i seguenti strumenti e criteri:

1. "Repeat-infringer policy" restrittiva, che era già in funzione a partire dal lancio, che si occupa di chiudere gli account di coloro che ripetutamente violano i termini del servizio in base al DMCA (Digital Millenium Copyright Act).


2. Funzione di generazione di un "hash" unico per ogni filmato rimosso per violazione di copyright, e blocco di successivi caricamenti dello stesso file video.

3. Requisito del limite minimo di 10 minuti per la durata del contenuto caricato nel servizio.

4. Strumento elettronico di "notification and takedown" per i content owner, che aiuta ad identificare materiale protetto e notificarlo a Google per la rimozione.

5. Suggerimenti in lingua inglese di facile comprensione relativi al copyright per gli utenti, e notifiche chiare e visibili al momento dell'upload dei contenuti.

Dal blog ufficiale di Google: "Come molti di questi altri criteri e strumenti, Video Identification va ben oltre le nostre responsabilità legali.Aiuterà i detentori dei diritti ad identificare i propri lavori su YouTube, ed a scegliere cosa fare con i propri video: se bloccarli, promuoverli o anche (se il detentore dei diritti sceglierà di licenziare il proprio contenuto per mostralo sul sito) monetizzare sui filmati. Nell'implementazione di questa tecnologia siamo impegnati nel supportare nuove forme di creatività originale, proteggendo il principio del 'fair use', ed offrendo una esperienza utente senza soluzione di continuità – tutto questo mentre aiutiamo i rights owner a gestire facilmente i propri contenuti". Maggiori informazioni sono disponibili nellapagina ufficiale dedicata alla tecnologia Video Identification.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su