Dvd originale accompagnato da una copia per pc e lettori multimediali. Iniziativa della Century Fox

Insolita e nuova iniziativa da parte della 20th Century Fox: assieme all'edizione speciale del Dvd dell'ultimo episodio di Die Hard distribuirà una copia elettronica del film priva di Drm, che potrà essere guardata così su Pc e lettori portat

Il 20 novembre Live Free or Die Hard(quarto episodio della serie Die Hard) uscirà in Dvd, in edizionespeciale. E fin qui, niente di eclatante. La novità sta nell'insolitadecisione della 20th Century Fox di includere unacopia digitale del film libera da Drm: un file pronto a esseretrasferito su Pc e qualsiasi altro lettore portatile. Una novità perl'industria cinematografica che tende la mano ai desideri e alleabitudini dei consumatori hi-tech.

I motivi della mossa a prima vista oscuri sono più d'uno. Intervistato, il presidente della major Mike Dunn spiega a Reuters chesi tratta di una potenziale "killer app" e che permette di avereun'eccellente esperienza sul proprio schermo casalingo e anche lalibertà di portare in giro la propria copia utilizzabile con qualsiasilettore multimediale e avere così un'ottima esperienza ovunque. Unaspinta a comprare il Dvd, arricchito dal file digitale pronto a esseretrasferito e privo degli odiati sistemi anti copia, e un motivo in piùper dotarsi eventualmente di dispositivi portatili. Considerazione chelascia intendere che all'orizzonte potrebbero profilarsi nuove intesefra grandi nomi.

Come funziona? Acquistando il film, ci si troverà in mano un doppio Dvd,uno classico con tutti i soliti contenuti da riprodurre grazie allettore di casa e uno con all'interno sia i contenuti speciali, che ilfile digitale trasferibile sul Pc e poi sui dispositivi portatili. Unfile quindi di minore qualità e maggiore leggerezza. Per completarel'operazione basta inserire il codice incluso nella confezione. Il fileè compatibile con i computer dotati di Windows e con lettori muniti diMicrosoft Windows PlaysForSure. La scelta delle marche disponibili èampia: Archos, Toshiba, Samsung, Rca, Dell e Creative Labs.

Insomma si offre su un piatto d'argento quello che molti utenti smaliziati riescono comunque a fare, ovvero il trasferimento dal Dvd al Pcaggirando le protezioni. Un'altro segno che forse i tempi stannocambiando e anche le major cominciano ad arrendersi all'evidenza deifatti e soprattutto alla velocità con cui piccoli e grandi hackersdimostrano di sapersi muovere risolvendo in un batter d'occhiocomplicati sistemi anticopia che spesso richiedono ai produttori lunghitempi di elaborazione e grandi investimenti. E, facendo di necessitàvirtù, si cercano nuove strade per invogliare all'acquisto, così come èaccaduto a Sony Bmg che si è inventata i ringles come contenuto aggiuntivo per i propri singoli in cd.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su