Bond Argentini: lo Stato sarebbe in grado di pagare visto la crescita attuale dell'economia

L'Argentina, gravemente inadempiente, dispone delle risorse finanziarie per risolvere la questione

L'Argentina, gravemente inadempiente, dispone dellerisorse finanziarie per risolvere la questione. Lo afferma ilPresidente della Tfa, Nicola Stock, che precisa: "secondo i datieconomici dell'Argentina, il Paese registra tassi di crescita annualipari a circa l'8% annuo. Inoltre numerosi economisti internazionaliconfermano che il ricorso al mercato dei capitali è precluso al Paesefintanto che non si risolva la questione degli obbligazionisti che nonaccettarono l'offerta di scambio argentina (holdout)".

Stock respinge le affermazionidell'ex ministro dell'Economia argentino, Roberto Lavagna, candidatoalle elezioni presidenziali, che pensa di conseguire consensoelettorale utilizzando quale mezzo l'esproprio finanziario perpetratoai danni di obbligazionisti internazionali, in particolar modo ipiccoli investitori italiani".

"Lavagna - prosegue -dimenticale pressioni internazionali che nascono sia dalle numerose cause perseed altre pendenti presso i tribunali di New York e di Francoforte, siadai ricorsi dinanzi all'Icsid in particolare quello dei 190.000obbligazionisti italiani, ormai in fase d'avvio. Infatti lo stessoGuillermo Nielsen, sottosegretario alle Finanze della RepubblicaArgentina, proprio con il ministro Roberto Lavagna, organizzatore eprincipale esecutore dell'offerta pubblica di scambio del 2005, hadichiarato nella rivista economica argentina "Fortuna" del 24 agosto2007".

La conclusione istituzionale per un pienoritorno al mercato comprende anche l'implementazione di una propostaper porre fine agli "holdouts". Si deve rimuovere la drammaticità di untema che in questo momento è da ritenersi una questione tecnico-legale.Guardando al futuro il costo per il Paese di mantenere coloro che nonparteciparono all'offerta di scambio nella categoria dei "paria" èsproporzionato".








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su