Senato federale e riduzione numero deputati alla camera da 600 a 500: il voto sarà trasversale

Riduzione dei deputati: si della Commissione della Camera

Dopo il via libera al Senato federale, con un numero ridotto di componenti, la commissione affari costituzionali della Camera ha detto si' anche alla riduzione del numero dei deputati, che dovrebbero passare dagli attuali 630 a 500.

Il voto favorevole e' stato trasversale, con la conferma pero' del no di FI, che secondo quanto dichiarato dal suo coordinatore, Sandro Bondi, non ritiene possibile "avventurarsi in proposte di riforma costituzionale". 

Sesa Amici (Ulivo), relatrice sulle riforme in commissione, parla di "un nuovo passo avanti verso le riforme".

"La rappresentanza degli eletti nelle circoscrizioni estero, 12, rimane invariata e va aggiunta ai 500. Unita a quella del Senato federale (con 184 componenti), come si vede,  - spiega  - la riduzione e' notevole e si inserisce in una complessiva riforma che da' maggiore funzionalita' al Parlamento. Il numero di 500 e' fra l'altro congruo per le nuove funzioni che la sola Camera dei deputati dovrebbe svolgere con la fine del bicameralismo paritario. Nei prossimi giorni affronteremo in commissione il tema delle materie su cui dovra' pronunciarsi il nuovo Senato, coerentemente con quanto modificato finora. Registriamo, infine, una larga convergenza delle forze parlamentari su queste scelte, con la sola distinzione di Forza Italia".





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su