Incentivi e bonus fiscali alle famiglie: dall'auto agli affitti, dalla tv ai frigoriferi

Risparmiare 7.000 Euro l’anno si può, secondo i calcoli del Sole 24 Ore. Dalla TV al frigorifero passando per l’auto e la caldaia, il gioco a premi degli incentivi fiscali non si esaurisce con il 2007

Risparmiare 7.000 Euro l’anno si può, secondo i calcoli delSole 24 Ore. Dalla TV al frigorifero passando per l’auto e la caldaia, il gioco a premi degli incentivi fiscali non si esaurisce con il 2007!

200 Euro per i congelatori ecologici ed altrettanti per i frigoriferi di classe A, la TV digitale e il decoder, 700 Euro per il ciclomotore elettrico o l’acquisto di una bicicletta, 800 Euro per un automobile Euro 4, questi ed altri i bonus fiscali promessi dal governo per scelte d’acquisto consapevoli e rispettose dell’ambiente.

Andando nel dettaglio il decalogo del risparmio abbraccia tutti i consumi quotidiani di una famiglia tipo premiando l’innovazione e l’ecologismo.

1. Pannelli solari e isolamento

Sarà con tutta probabilità estesa al 2010 la detrazione al 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili con un tetto di spesa di 109.090 Euro e uno sconto massimo di 60 mila Euro. Il bonus consiste in una detrazione Irpef distribuita su tre anni d’imposta (v.Enea).


2. Ristrutturazioni

Rischia di ottenere la proroga fino al 2010 anche la detrazione al 36% per gli interventi di ristrutturazione edilizia. Loi sconto viene applicato ad un massimale di 48 mila Euro con uno sconto di 17.280 Euro, detraibili in 10 anni sulla dichiarazione (v.articolo).

3. Caldaie a condensazione

Lo sconto al 55% sulle imposte riguarda anche l’installazione di caldaie ad alto rendimento su una spesa massima riconosciuta di 54.545 Euro con un bonus di 30 mila Euro. anche in questo caso la detrazione Irpef viene ripartita su tre anni fiscali ed è in fase di approvazione la proroga al 2010.

4. Auto

Gli incentivi alla rottamazione delle Euro 0 ed Euro 1 prevedono per chi acquisterà un Euro 4 o un Euro 5 un bonus di 800 euro ed il bollo gratis per due anni (tre se la nuova macchina ha meno di 1300cc di cilindrata).
Previsto anche un incentivo di 1.500 euro per l’acquisto di auto ecologiche: a metano, a Gpl, elettriche, o ad alimentazione ibrida. Nello stesso emendamento c’è la misura che equipara le vetture a Gpl, a metano ed elettriche alle auto Euro 4 ed Euro 5: per queste vetture non scatterà quindi l’aumento del bollo auto.
In arrivo incentivi anche per la rottamazione di moto e motorini Euro 0 ed Euro 1: se si acquista un Euro 3 ci sarà l’esenzione dal bollo per 5 anni.
Per gli autocarri, ci sarà un bonus di 2000 euro per l’acquisto di un autocarro inferiore alle 3,5 tonnellate e la rottamazione di un vecchio camion.

5. Sconti sulle 2 ruote

Sconti compresi entro i 700 Euro per l’acquisto di veicoli non inquinanti e preferibilmente elettrici (sconto del 30% sul prezzo d’acquisto).
La demolizione di scooter e moto Euro 0 (o prodotti prima del 2001) è gratuita anche se non si acquista un nuovo motoveicolo (sul sitowww.ada-net.it si trova l’elenco dei demolitori che aderiscono all’accordo), ma, se contestualmente si acquista una bicicletta si ottiene lo sconto del 30% dal prezzo di listino, fino a un massimo di 250 euro; comprando un motociclo o quadriciclo a trazione elettrica si possono risparmiare fino a mille euro; per un ciclomotore elettrico o bicicletta a pedalata assistita si arriva fino a 700 euro. Per chi opta per un ciclomotore Euro 2 a 4 tempi a basso consumo l’incentivo scende al 15%, fino a un massimo di 300 euro, e solo dell’8% (massimo 150 euro) se si sceglie un Euro 2 a 2 tempi (v.articolo).

6. Frigoriferi e congelatori

Detrazioni Irpef fino a 200 euro per chi decide di sostituire il vecchio frigorifero o congelatore con un analogo elettrodomestico di classe energetica non inferiore ad A+. Lo sconto del 20% deve essere applicato agli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2007 e i costi, lo ricordiamo, devono essere dimostrati attraverso la documentazione relativa all’acquisto dell’apparecchio: fattura o scontrino fiscale in cui sono presenti i dati identificativi dell’acquirente, la classe energetica dell’apparecchio e la data di acquisto.

7. TV e decoder digitale

Chi acquista entro fine anno un televisore con sintonizzatore digitale integrato potrà ottenere lo sconto Irpef del 20% nella denuncia dei redditi del prossimo anno, modello Unico 2008 o 730/2008 (redditi 2007). Ovviamente, a patto che l’apparecchio abbia le caratteristiche riportate nella tabella allegata al decreto del 3 agosto 2007 emanato dal ministero delle Comunicazioni (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n° 221 del 22/9/2007).

La detrazione fiscale si può calcolare su una spesa massima di 1.000 euro: il risparmio, dunque, sarà al massimo di 200 euro (20% di 1.000 euro) (v.articolo).

8. PC

I collaboratori coordinati e continuativi, compresi i lavoratori a progetto, potranno richiedere, entro il 31 dicembre 2007, il contributo di 200 euro per l’acquisto di un personal computer nuovo (v.articolo).

E’ stato infatti pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 giugno scorso il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze dell’8 Giugno 2007 recante “Criteri e modalità per la concessione di contributi per l’acquisto dei PC da parte di collaboratori coordinati e continuativi e di collaboratori a progetto, in attuazione dell’articolo 1, comma 298, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007)”.
Il fondo complessivo, messo a disposizione dal Ministero, ammonta a 10 milioni di euro per l’intero 2007.
Possono accedere al contributo i cittadini italiani residenti in Italia ed iscritti all’Anagrafe tributaria di età non superiore ai venticinque anni compiuti nel corso dell’anno 2007, che risultano titolari di uno dei seguenti rapporti di lavoro:

9. Affitti a studenti universitari

Con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno, si possono detrarre fino a 500,27 euro, ossia il 19%, calcolato su un importo massimo di 2.633 euro, delle spese per l’affitto di studenti fuori sede.
La detrazione riguarda qualsiasi tipo di contratto (purchè relativo ad un immobile ad uso abitativo) da quelli ad uso transitorio alla locazione di un posto letto, ma soprattutto non solo i locatari ma anche i proprietari di appartamenti.

Per quel che riguarda i proprietari, invece, per chi affitta a studenti universitari fuori sede con un contratto a canone concordato, c’è un ulteriore sconto del 30% sul canone da dichiarare in sede Irpef: in pratica il proprietario indicherà nella denuncia dei redditi un po’ meno del 60% dell’importo del canone annuo, contro l’85% di un contratto libero. Inoltre si ha diritto ad una riduzione del 30% dell’imposta di registro sul contratto. Diversi comuni, poi, prevedono l’applicazione di un’aliquota Ici più bassa nel caso in cui si dia in affitto l’appartamento agli studenti. Inoltre, in tutti i casi in cui nel canone fossero comprese anche voci quali condominio, luce, acqua, gas, portiere, ascensore, riscaldamento e simili - cosa che accade, ad esempio, quando si affitta la stanza con uso di cucina - la parte relativa a questi importi non va dichiarata ai fini fiscali. Insomma, fare un contratto agli studenti alla fine può risultare molto più conveniente rispetto ad un contratto libero (v.articolo).

10. Figli sportivi

Premi in vista anche per gli amanti dello sport. I costi sostenuti per iscrivere i propri figli (purchè di età compresa tra i 5 e i 18 anni) a palestre e dintorni potranno essere indicati nella dichiarazione dei redditi per le persone fisiche (IRPEF) 2008 e saranno detratti nella misura del 19% delle spese complessivamente sostenute, fino ad un massimo di 210 Euro l’anno (v.articolo).
La detrazione, che va fatta valere in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi (modello 730, modello UNICO), va calcolata su un importo complessivo non superiore a 1.500 euro per ogni periodo d’imposta. Qualunque sia la somma erogata, per fruire dell’agevolazione il versamento deve essere eseguito tramite banca, posta, carte di credito, bancomat, carte prepagate, assegni bancari e circolari non trasferibili intestati all’associazione destinataria.
L’agevolazione spetta anche quando l’erogazione è effettuata in favore di società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali senza fine di lucro.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su