Mutui 2016 luglio migliori: surroga, mutui tasso fisso e variabile offerte migliori, spese e tassi minori

Alla ricerca delle migliori offerte per accendere un mutuo a tasso fisso o variabile in questo mese di luglio 2016.

Anche in questi mesi estivi il mercato dei prezzi delle case è in continuo movimento e le migliori offerte per accendere un mutuo a tasso fisso o variabile cambiano in continuazione, Con Hello Bank!, il tasso fisso è al 2,60%, ma la variabile tempo è decisiva. Ad esempio, per mutui con importo finanziabile inferiore o uguale al 50% del valore dell'immobile, per durata pari a 5 anni è all'1,60%; per durata pari a 10 anni è all'1,60%; per durate pari a 15 anni è all'2,00%; per durate pari a 20 anni è all'2,20%; per durate pari a 25 anni è all'2,35%; per durate pari a 30 anni è all'2,45%. Destinatari sono i lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, i lavoratori autonomi e i liberi professionisti.

Da parte sua, BancadinAmica si segnala per spese perizia pari a zero, istruttoria dello 0,25% dell'importo, conto corrente a zero spese. Il tasso fisso è allo 2,55%, il Taeg al 2,64%. A tasso fisso ecco anche Mutuo Domus Fisso ovvero erogazione all'80% del valore dell'immobile, spese di istruttoria e perizia, imposta sostitutiva di 425 euro. Dopo 24 mensilità versate è possibile chiedere la sospensione fino a sei rate consecutive per tre volte durante il mutuo.

Per quanto riguarda la proposte a tasso variabile, con Banca Sella, l'importo massimo finanziabile è del 70% del valore cauzionale dell'immobile. Per il calcolo del tasso variabile, il parametro di riferimento è Euribor base365 3 mesi media mese precedente arrotondato per eccesso ai 5 centesimi più prossimi maggiorato di uno spread a seconda della durata del mutuo. Di conseguenza, per mutui con importo finanziato fino al 50% calcolato sul valore cauzionale dell'immobile oggetto del mutuo, ad esempio, fino a 10 anni Euribor 3 mesi + 1,15; fino a 15 anni Euribor 3 mesi + 1,20; fino a 20 anni Euribor 3 mesi + 1,25; fino a 25 anni Euribor 3 mesi + 1,35.

L'importo minimo finanziabile con Widiba è invece pari a 50.000 euro, quello massimo a un milione di euro. Per quanto riguarda o il calcolo del tasso, per LTV, il rapporto tra la somma richiesta e il valore dell'immobile, fino al 50%: è pari all'1,45% per importo mutuo inferiore a 100.000 euro, all'1,35% per importo mutuo pari o superiore a 100.000 euro. Le caratteristiche base di Mutuo Domus Variabile sono copertura dell'80% del valore dell'immobile, imposta sostitutiva dello 0,25% dell'importo del mutuo sulla prima casa, spese di istruttoria tra 400 e 700 euro, quota calcolata in base alla somma dell'Euribor con uno spread diverso in relazione al rapporto tra l'importo del mutuo e il minore fra il prezzo di acquisto e il valore di perizia dell'immobile.

In ogni caso, si ricorda di tenere sempre presenti i costi aggiuntivi per l'accensione di un mutuo ovvero il compenso all'intermediario per le spese di istruttoria; le spese di perizia, che possono essere richieste per la valutazione dell'immobile da ipotecare; le spese notarili per il contratto di mutuo e l'iscrizione dell'ipoteca nei registri immobiliari; il costo del premio di assicurazione a copertura di danni sull'immobile; gli interessi di mora in caso di pagamenti ritardati; la commissione annua di gestione della pratica, le spese per l'incasso rata, le spese per l'invio di comunicazioni.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su