Sciopero dei benzinai di 15 giorni contro le nuove liberalizzazioni del Governo

Le associazioni di categoria dei benzinai hanno annunciato 15 giorni di sciopero a partire da questo mese per protestare contro le liberalizzazioni del Governo

Le associazioni di categoria dei benzinai hanno annunciato 15 giorni di sciopero a partire da questo mese per protestare contro le liberalizzazioni del Governo. "Il Governo dei forti, dell'industria petrolifera, dei marchi della grande distribuzione - dicono Figisc Confcommercio e Fegica Cisl - produce un nuovo attacco, violento e ingiustificato, a una intera categoria di lavoratori".

In particolare, i benzinai si oppongono agli emendamenti al ddl Bersani presentati dal Governo al Senato, "che azzerano qualsiasi regolamentazione sugli orari di esercizio e, soprattutto, abrogano le norme che finora avevano costretto i petrolieri ad accettare una forma di contrattazione capace di contenere il loro strapotere nei confronti dei gestori".

"Si tratta - spiegano - di una misura offerta ai petrolieri per consentire loro di liberamente colpire, precarizzare e schiacciare qualsiasi resistenza di una categoria già contrattualmente più debole: un vero e proprio mandato a liquidare l'unico ostacolo, l'unica voce dissonante, l'unica opposizione sociale ad un progetto che trova tutti i poteri forti coesi e fortissimamente interessati".

Il calendario sarà reso pubblico nei prossimi giorni, insieme a una serie di nuove iniziative.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su