Telefonia mobile in Italia: Vodafone e Tim sempre più forti. Ecco un grafico e alcune considerazioni

In un articolo su L’Espresso che parla di Sawiris e delle sue azioni nella telefonia appare una torta (con dati di fonte Wind) che grafica il livello di acquisizione di clienti nella telefonia mobile italiana per il 2006

Inun articolo su L’Espresso che parla di Sawiris e delle sue azioni nella telefonia appare una torta (con dati di fonte Wind) che grafica il livello di acquisizione di clienti nella telefonia mobile italiana per il 2006.

Questo significa che, al netto delle perdite (quindi numero di ingressi - numeri che “volano” verso altri lidi), mediamente 4 clienti su 10 sono finiti in mani TIM, 3 su 10 in mani Vodafone, 2 su 10 in mani 3 Italia e solo 1 su 10 in mani Wind. Questo accadeva in “tempi non sospetti”, prima di ogni gioco di rimodulazione.
Cosa sarà cambiato post-marzo? Grazie aLongo, ce lo spiega Stefano Mannoni, commissario dell’Autorità Garante delle Comunicazioni (Agcom): Ci risulta che da marzo a maggio 2007, la capacità di attrazione dei nuovi clienti ha premiato Tim con il 43,8 per cento, Vodafone con il 43,5 per cento, e solo il 6,7 ha scelto Wind e il 5,9 per cento 3 Italia”.

Pur questo non significando nulla in termini oggettivi (non sono quote di mercato, ma dati assoluti sui cambi), la visione che ne appare è che i due gestori più anziani, TIM e Vodafone, siano quelli che in realtà attraggono molto di più, strappando sostanziali quote di clienti ai due gestori più piccoli. Evidentemente è segno che ancor più di una brusca virata alribasso di alcune tariffe per il gestore inglese e la tantopubblicizzata trasparenza per quello italiano -cose che comunque piacciono-, l’utente medio abbia deciso di punire compagnie ree di aver attuato rimodulazioni di ogni tipo. Una piccola nota a margine di questi dati: a maggio le rimodulazioni di 3 Italia erano solo ipotesi ventilate, che i più rifiutavano. Sarà interessante rivedere con decorrenza 30/11/07 queste percentuali.

percentuale clienti 2006





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su