Pirelli Re acquista un gruppo immobiliare tedesco e continua la sua espansione

Pirelli Real Estate prosegue la sua strategia di espansione

Pirelli Real Estate prosegue la sua strategia di espansione. Oggi lasocietà guidata da Carlo Puri Negri ha annunciato di aver firmato unaccordo vincolante con i fondi immobiliari di RREEF (del GruppoDeutsche Bank) per l'acquisto dal fondo americano di private equityCerberus del 100% di BauBeCon, un importante gruppo immobiliare tedescoattivo prevalentemente nel segmento residenziale. L'esborso previsto èdi circa 350 milioni di euro, ma verrà successivamente rivisto sullabase della situazione patrimoniale al 30 giugno 2007.

Compresi il patrimonio immobiliare e le attività di asset managemente servizi, il valore di BauBeCon risulta pari a circa 1.690 milioni dieuro (dato stimato al 31 dicembre 2006). I costi di closing ammontano a30 milioni di euro.

In base all'accordo alla società italiana andrà il 40% delpatrimonio immobiliare di BauBeCon, composto da oltre 27.000 unitàimmobiliari a prevalente destinazione residenziale, situate per lamaggior parte nelle città di Berlino, Hannover e Magdeburgo.

L'operazione è già stata approvata dalle autorità Antitrust competenti e si chiuderà entro la fine di luglio.

Graziead essa Pirelli RE anticipa il raggiungimento del target di fine 2008:il patrimonio gestito nel mercato tedesco sale infatti a oltre 3miliardi di euro (in termini di book value), corrispondente a circa unquarto del totale degli asset immobiliari in gestione.


Ma Pirelli RE ha anche altri progetti. Secondo quanto si legge nellanota diffusa oggi infatti in programma ci sarebbe la costituzione diuna società di asset management e più società di servizi chesfrutteranno le efficienze dell'integrazione delle attività di BauBeConcon quelle di DGAG, al fine di migliorare ed incrementare la gestionedegli asset.

È prevista comunque per giovedì 19 luglio una conference call nellaquale il top-management della società fornirà ulteriori dettaglisull'operazione.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su