Tassi mutui italiani: i più alti in Europa come ha denunciato il Govrnatore della Banca d'Italia

Siamo secondi alla sola Inghilterra, dove l’interesse medio per chi paga un mutuo è del 5,20% e dove il costo del denaro è decisamente superiore all’Eurozona

Siamo secondi alla sola Inghilterra, dove l’interesse medio per chi paga un mutuo è del 5,20% e dove il costo del denaro è decisamente superiore all’Eurozona. Peccato che persino nella piovosa isola oltre Manica il neo eletto presidente del consiglio Gordon Brown abbia deciso di aumentare l’offerta di nuove case popolari. Per poter acquistare un appartamento in Inghilterra è necessario guadagnare uno stipendio di 46 mila Euro lordi l’anno.

Non tanto distante quello che succede nell’italica penisola dove i tassi medi per l’accensione di un mutuo gravitano intorno al 5,10% (v.articolo). Vuoi il continuo aumento tassi imposto dalla Bce vuoi un mercato creditizio particolarmente ingessato rimane il fatto che i nostri tassi di interesse sui mutui sono aumentati vertiginosamente dal 2004 ad oggi, più di qualsiasi altro pese europeo!

Gli inquilini europei d’oltre confine scontano tassi medi di interesse del 4% per scendere al 3,90% in Francia e al 3,88% in Finlandia. La posizione nostrana contiene un paradosso, sostiene qualcuno. Fino al 2003 i nostri erano i tassi di interesse più convenienti d’Europa, cosa è successo nel frattempo? Due io motivi additati a causa di questo galoppo increscioso: la scarsa competitività delle banche e procedure pachidermiche di contenzioso nel caso della riscossione crediti (fino a 7 anni). Questo quanto emerso dall’intervento di Mario Draghi all’assemblea annuale dell’Associazione bancaria italiana

Ulteriore deficit riguarda la ponderazione del rischio ad personam, molto più sviluppata in paesi come la Francia dove si applica uno spread inferiore se il cliente è considerato affidabile. Insomma ci sono ancora ampi margini di miglioramento non solo sul mercato dei mutui ma anche per quanto concerne il credito al consumo, con un Taeg di un punto percentuale sopra la media europea.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su